giovedì 10 novembre 2011

TRANS VZ: “Progress/Regress” (2010, To Lose La Track)

Scanzonato è in assoluto l'aggettivo che più di frequente sovviene durante l'ascolto di "Progress - Regress", il primo full length dei Trans Vz, power trio ternano prodotto da To Lose La Track. La lezione di base è quella del post-punk contemporaneo, che rielabora in maniera godibile una varietà di influenze tutte più o meno collocabili fra gli anni '70 e gli anni '80, in un arco stilistico che va dal folk al punk pescando a piene mani da tutte le sfumature intermedie,
e sguazzando allegramente in tutte le declinazioni dell'alternative. Se le ritmiche portano tracce evidenti delle origini indie-folk del progetto (passato alla veste elettrica nella trasformazione da duo a trio), l'estetica post-punk si esplica in una compiaciuta attitudine lo-fi, espressa, intelligentemente, nella scelta di suoni ruvidi e pastosi allo stesso tempo, ma senza mai sacrificare la qualità della produzione. Se i padri spirituali della band sono ancora molto evidenti all'ascolto del disco, è innegabile che i Trans Vz abbiano mosso i primi decisi passi verso la costruzione di un'identità sonora ed estetica riconoscibile: il disco è omogeneo, coerente, tirato quanto basta, coinvolgente e di piacevolissimo ascolto. Se l'originalità non è ancora fra i pregi più evidenti di questo primo lavoro, ci sono tuttavia tracce come Transavanguardie e Headache for Dinner che indicano la strada giusta in questo senso. Degne di nota sono anche la cura del suono e l'ottima esecuzione, con chitarre versatili e intense che accompagnano i passaggi dai pezzi più marcatamente folk a quelli di derivazione quasi new wave. Le soluzioni compositive e gli arrangiamenti sono accattivanti e non banali. Consigliato.
Angela Fiore

Trans Vz



Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget