sabato 1 ottobre 2011

LIVE REPORT: Lords of Altamont (15 agosto 2011, Bruxelles, DNA)

Bruxelles il giorno di ferragosto è deserta. Ha un aspetto da quadro metafisico, se non fosse per i gruppi di turisti che ogni tanto compaiono provenienti dalla Grande Place o dal bambinello che piscia. Il clima minaccia tempesta, ma ci concede una giornata tutto sommato bella, lontana dalla canicola e allo stesso tempo libera dalle piogge estive dell’Europa del nord. Il DNA è un buco,

MUSICAL BOOK REVIEWS - "Retromania, Musica Cultura Pop e la nostra ossessione per il passato", di Simon Reynolds (15 Settembre 2011, ISBN Ed.)

Il libro di Simon Reynolds (già autore del monumentale “Post Punk. 1978-1984”) coglie un aspetto fondamentale della cultura pop, nel senso più ampio del termine, degli ultimi dieci anni: l’ossessione per il passato, in tutte le sue forme, ciclicamente riproposto, (blandamente) rivisitato, tritato, spolpato, rinato dopo morte apparente. Viviamo in un’epoca che Reynolds definisce “ri-decennio”, caratterizzata da ristampe, reunion, revival, retro, riedizioni …

venerdì 30 settembre 2011

I VALIUM: "La maledizione sta per arrivare" (29 Novembre 2010, Warner AlKemist-Fanatix)


Il packaging di questo disco, per non parlare del titolo, fanno immediatamente e innegabilmente pensare a qualcosa di concettualmente costruito per attirare l'attenzione. Bisogna effettivamente dare atto che "La maledizione sta per arrivare" è ben confezionato e meticolosamente curato nei particolari per risultare ineccepibile: buone ritmiche decise e travolgenti, il giusto spazio all'orecchiabilità, una voce e una scrittura di qualità. Insomma gli ingredienti ci sono tutti, proprio tutti.

NUT: "Gravità Inverse" (release date: 30 settembre 2011, Sinusite Records/Pogoselvaggio! Records/Metaversus)

Lo dico subito: funziona tutto in questo disco. A partire dalla produzione di Giulio "Ragno" Favero (per il quale, immagino, non servono presentazioni), fino alla riuscita amalgama (che è ciò che conta) fra post-rock e alternative dalle venature progressive. I Nostri, fra l'altro, riescono a gestire il tutto con buona tecnica. La band sa graffiare, blandire e colpire duro quando serve e poco importa se è tutto un 'già sentito', se il binomio rock-noise 90's (condito con effetti ed elettronica)

NOUER: “Love Revolution EP” (Release Date: 15 Marzo 2011, Subcava Sonora)

# Consigliato da DISTORSIONI

Annoda trame di disperata sopravvivenza questo trio partenopeo che con "Love Revolution EP" propone cinque tracce di rock abrasivo e sporco, sonorità ripescate nel panorama alt rock con divagazioni nei meandri del dark più lugubre e claustrofobico, accenni di aggressività noise. Un lavoro che musicalmente non inventa nulla di nuovo ma tuttavia si muove sugli equilibri giusti tra il saper attingere, il caratterizzarsi e il rifuggire ostentazioni o false retoriche,

ASTOLFO SULLA LUNA: “Moti browniani” (2 luglio 2011, Autoproduzione)

Non si trovano grandi informazioni in rete a proposito del progetto battezzato Astolfo sulla Luna, per cui diventa anche difficile ricostruire se ci si trovi di fronte a una forma che potremmo definire, tanto per inventarcene una, di Cantautorato del III Millennio o a una vera e propria band. Non si trovano neanche in giro i nomi di coloro che vi hanno partecipato, e che si firmano semplicemente come: Lei, Divagazioni in delay, sfoghi letterali e sottofondi synthetici, Lui, Catenelle a caso su piatti ben precisi,

giovedì 29 settembre 2011

SHORT REVIEWS - KILLER KLOWN: “Born to rock!!!” (release date: 15 aprile 2011, Area Pirata)

Giri il mondo, seduto sulla tua cazzo di piattaforma Myspace, alla ricerca di chissà quale diavolo di grande band e poi scopri che praticamente ci stai seduto sopra. I Killer Klown sono italiani (stavo per scrivere orgogliosamente italiani, ma chi osa più esserlo, oggi? NdLYS) e suonano con l’ acqua alla gola, come se davvero fossero nati solo per questo. "Born to rock!!!" è una letale iniezione di rock marcio e bastardo, come quelle che si praticavano negli ambulatori di Ann Arbor e Sydney

WILCO: “The Whole Love” (27 Settembre 2011, dBpm Records)

# Consigliatissimo da DISTORSIONI

“The Whole Love” è il nono disco ufficiale di WILCO in sedici anni di onorata carriera: la media ‘pacata’ di un lavoro più o meno ogni due anni. Difficile poter essere smentiti se si afferma che la band, guidata sin dagli inizi con mano sicura dal prodigioso lead vocal/songwriter Jeff Tweedy, abbia sempre, costantemente, con generosità profuso nella sua carriera grande ispirazione compositiva unita ad una perizia strumentale strabiliante.

"Quanto ci manca Miles Davis!" (May 26 1926, Alton, IL - Sep 28 1991, Santa Monica, CA) Il Ventennale dalla morte


Sono vent'anni che Miles ci ha lasciati, il 28 settembre 1991 (presso l'ospedale di Santa Monica, California). Il "vuoto" che ha creato la sua scomparsa è ancora una delle grandi questioni che i critici e gli storici del jazz non sono riusciti a dipanare del tutto. Alcuni artisti che lo hanno affiancato per molti anni gli hanno reso quest'anno il significativo "Tribute to Miles" , recensito per Distorsioni. Uno spiraglio di luce, per una prima e provvisoria valutazione è

martedì 27 settembre 2011

JACK OBLIVIAN: “Rat City” (Release Date: 13 settembre 2011, Big Legal Mess/Fat Possum)

# Consigliato da DISTORSIONI
All’indomani dello scioglimento degli Oblivians ben più di un cuore era stato spezzato, ma coloro che gli sono rimasti affezionati hanno potuto continuare ad apprezzare i tre di Memphis nelle loro individuali svolte musicali. Greg Cartwright, che ha partecipato come guest a vari progetti tra cui Detroit Cobras oltre che con i suoi Tip Tops, ma soprattutto con gli eccellenti Reigning Sound. Eric Friedl concentratosi sulla sua etichetta, ha fatto della Goner

IDAHO: "You Were A Dick" (release date: 5 luglio 2011, Talitres Records)

# Consigliato da DISTORSIONI
La premessa è che dovete amare lo slowcore e non dovete condividere il punto di vista secondo cui si tratta in realtà di indiepop con meno beat. D'altra parte gli Idaho (nella persona di Jeff Martin) non mancano di snocciolare più di una traccia dalle coloriture decisamente pop (The space between, Waited for you), in queste poche occasioni trovano spazio ritmiche più marcate e riff leggermente più catchy, pur con il consueto understatement e le solite tinte pastello ultradiluite.

LIVE REPORT: Giuda - The Boys, 9 settembre 2011, Circolo degli Artisti, Roma

Giuda
Aprono i Giuda, band fantastica che nasce dalle ceneri della punk band romana Taxi: i Giuda spaccano, cazzo se spaccano, credo che poche band stanno al loro passo nel panorama “underground” sia italiano e perche’ no, mondiale.Glam rock e punk rock alla nitroglicerina. Passano in rassegna tutto il loro album, lo splendido “Racey Roller”: non saprei scegliere il pezzo piu’ bello, forse la splendida Totti song dedicata al capitano della

lunedì 26 settembre 2011

SONDRE LERCHE: “Sondre Lerche” (release date: 7 giugno 2011, Tellé Records)

L’atteso ritorno di Sondre Lerche, acclamato cantautore norvegese, tra i massimi esponenti della scena scandinava di quel pop da cameretta già caro a bands come Sambassadeur e Concretes, si presenta sin dalla foto di copertina e dal titolo, alla soglia dei suoi ventinove anni, come
un' autocelebrazione da parte dell’artista del lavoro fin qui svolto. Certo, siamo lontani dalle orchestrazioni Sixties di “Two way monologe” o da quelle semi jazz di “Duper sessions” o dal sogwriting di “Phantom punch”(Muhammed Alì docet!)

I BREAK HORSES – “Hearts” (30 agosto 2011, Bella Union)

Dietro al progetto I Break Horses si nascondono i nomi di Maria Linden e Fredrick Balck. La prima si occupa delle musiche mentre lui invece della parte testuale. Entrambi di Stoccolma si sono conosciuti qualche anno fa grazie ad un forum per ipocondriaci. Maria Linden racconta: "Sul forum dove ci siamo conosciuti parlavamo dei sintomi di un cancro che pensavamo di avere entrambi. Così abbiamo scoperto di avere interessi musicali e amici in comune, che ci hanno poi fatto incontrare di persona".
Si è verificato un errore nel gadget