giovedì 29 settembre 2011

SHORT REVIEWS - KILLER KLOWN: “Born to rock!!!” (release date: 15 aprile 2011, Area Pirata)

Giri il mondo, seduto sulla tua cazzo di piattaforma Myspace, alla ricerca di chissà quale diavolo di grande band e poi scopri che praticamente ci stai seduto sopra. I Killer Klown sono italiani (stavo per scrivere orgogliosamente italiani, ma chi osa più esserlo, oggi? NdLYS) e suonano con l’ acqua alla gola, come se davvero fossero nati solo per questo. "Born to rock!!!" è una letale iniezione di rock marcio e bastardo, come quelle che si praticavano negli ambulatori di Ann Arbor e Sydney
o nello studio privato del Dr. Koizumi, a San Diego. Chitarre che macellano il rock'n'roll, nella follia idiota di una risata assassina senza nemmeno togliere via le ossa. Perché in effetti nulla è da buttare in questo nuovo disco della band piemontese. Bello il livello di gain sulla chitarra solista, così intrinsecamente detroitiana, belli i solchi dell’organo che danno un taglio garage ai pezzi senza tuttavia soffocarne lo spirito più duro, belle le sincopi di Love is a fart che spezzano l’implacabile marcia ritmica della batteria, bella anche la ghost track nascosta che, pur nella sua registrazione sorda sembra il rigurgito di un qualche vecchio concerto degli Eyes. Mettetelo nel cestino della merenda, vi dovesse venire fame.
Franco Lys Dimauro

Area Pirata

Killer Klown Digital Player

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget