venerdì 30 settembre 2011

NUT: "Gravità Inverse" (release date: 30 settembre 2011, Sinusite Records/Pogoselvaggio! Records/Metaversus)

Lo dico subito: funziona tutto in questo disco. A partire dalla produzione di Giulio "Ragno" Favero (per il quale, immagino, non servono presentazioni), fino alla riuscita amalgama (che è ciò che conta) fra post-rock e alternative dalle venature progressive. I Nostri, fra l'altro, riescono a gestire il tutto con buona tecnica. La band sa graffiare, blandire e colpire duro quando serve e poco importa se è tutto un 'già sentito', se il binomio rock-noise 90's (condito con effetti ed elettronica)
e cantato in italiano sta diventando l'ennesimo clichè nel panorama underground tricolore. I ragazzi fanno quello che ci si aspetta, dilatano i brani, rallentano, sospendono ed esplodono, alternando momenti riflessivi e assalti. Personalmente li preferisco quando seguono percorsi un po' meno 'prevedibili' e osano di più, come succede in Mosaico, un brano che si avvale della collaborazione di Marina Mulopulos (Almamegretta, Malfunk, Tilak), così come in Abiti e Il Sarto è Nicola Manzan (Bologna Violenta) che va a sommarsi al trio. Quando riescono a essere atmosferici, senza eccedere, funzionano anche meglio (la conclusiva Orme Sovrapposte), anche se, forse, un minutaggio un po' più contenuto avrebbe giovato all'ascolto (alla lunga affiora una certa stanchezza). A ogni modo, lo ripeto: un lavoro che denota buon gusto, se non proprio personalità da vendere. L'unica nota dolente, a mio parere, la possiamo trovare nella voce davvero troppo orientata al melodico-italiano che, con questo genere di sonorità, non mi fa impazzire. Ma potrà fare la gioia dei fan di Verdena e Marlene Kuntz.
Andrea Fornasari

Sinusite Records/Nut


Gravità Inverse

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget