giovedì 28 giugno 2007

Cinema UNDERGROUND (il meglio del cinema in dvd) n°. 7 by Antonio Petrucci



Titolo: UNA STORIA VERA
America 1999 - Colore, 105 minuti
Regia: David Lynch
Genere: Drammatico
DVD edizione: Elleu


Pellicola anomala della filmografia di David Lynch ma proprio per questo ancora più importante visto che mostra un lato poco conosciuto del regista, il legame con la sua terra e le persone che ci vivono.
Il film racconta del viaggio di Alvin che oramai anziano decide di andare a trovare Lyle la sorella che non vede da molti anni a causa di una lite, utilizzando come automezzo un malconcio trattore.
Da questa storia in apparenza semplice si assiste ad un film intenso, che mette in evidenza la forza dei sentimenti e come riescano ad annullare ogni ostacolo, e la lunga attesa durante il viaggio ricco di bellissimi paesaggi ci conduce verso un finale liberatorio e commovente.
Uno spaccato di America fatta di persone e luoghi pieni di valori ma anche di contraddizioni, ma sicuramente un'America più vera di quella che ci viene propagandata da giornali e televisioni.
(Antonio Petrucci)



Titolo: Infection
Giappone 2004 - Colore, 95 minuti
Regia: Masayuki Ochiai
Genere: Horror
DVD edizione: Dolmen


Film horror ambientato in un fatiscente ospedale in cui avvengono gravi casi di malasanità tra cui la morte di un paziente che viene tenuta nascosta dai medici e paramedici coinvolti; da quel momento per loro inizierà un vero incubo.
Il film é cupo e disturbante anche per l'argomento trattato, la malasanità che affligge anche il nostro paese; un ottimo film horror originale che riesce a mantenere sempre alta l'attenzione dello spettatore.
Sarebbe forse utile promuovere la visione di questo film nel nostro paese a tutti i laureandi in medicina.
Trailer:
http://www.youtube.com/watch?v=f9TbECLC1fE

(Antonio Petrucci)





Titolo: Kung Fusion
Cina 2004 - Colore, 96 minuti
Regia: Stephen Chow
Genere: Tutti
DVD edizione: Sony Pictures Home
Entertainment

Cosa dire di questo film che molti già conosceranno, si tratta di una pellicola di puro intrattenimento divertente, originale e ben realizzata, il regista è riuscito a condensare nel suo film una storia sentimentale, le arti marziali, il fumetto e la commedia: ma quello che in apparenza poteva diventare un frullato di generi senza senso in realtà ci rende partecipi di un film godibile pieno di trovate originali, e cosa importante per un film, non si dimentica.
Trailer:
http://www.youtube.com/watch?v=GW1pJMAkaVY
(Antonio Petrucci)

mercoledì 27 giugno 2007

NEWS : The Flowers , blues-band live nello spettacolo LA COLLINA da testi di Edgar Lee Masters (Fasano, 2 Luglio 2007) by Pasquale Boffoli



Se ne parlava da tempo : The Flowers si cimentano con messinscene teatrali.
Sono sempre stati affascinati dallo sperimentare nuove esperienze ed il Large Soul Project (cui é dedicata un'apposita sezione di questo sito) da loro messo a punto né é la riprova.
Il rock ed il blues in tutte le loro sfaccettature come parte integrante e linfa vitale di vari contesti artistici e sociali.
Ora tocca al teatro: sono chiamati dal regista Pino Cacace a fornire dal vivo la soundtrack dello spettacolo teatrale LA COLLINA, poesie e testi tratti dalla famosa Antologia di Spoon River dello scrittore americano Edgar Lee Masters, un testo fondamentale e basico per la 'controcultura' a partire dall'immediato dopoguerra.
Grafica, scene e costumi dello spettacolo sono a cura di Valeria Pinto, sei gli attori, tutti debuttanti.
Ne é data notizia nella sezione I Prossimi Spettacoli di questo sito.
The Flowers eseguiranno ed inframezzeranno i diversi momenti recitativi con brani e spunti di John Mayall, Willie Dixon, Robert Johnson, Muddy Waters, The Byrds, Country Joe & Fish, T.Bone Walker, Troup, Jimi Hendrix etc...
Lo spettacolo andrà in scena il 2 luglio 2007 al cineteatro Mastroianni di Fasano (Bari), alle ore 21:00.
A chi voglia saperne di più dell'Antologia di Spoon River ed Edgar Lee Masters forniamo un paio di utili links.

http://it.wikipedia.org/wiki/Antologia_di_Spoon_River

http://digilander.libero.it/adrianomeis/lebelle/leemasters/index1.htm



PASQUALE BOFFOLI

lunedì 25 giugno 2007

Speciale / CHROME CRANKS : Diabolical Boogie ed altre storie dalla grande (?) mela, by Pasquale Boffoli

Era da tempo che volevo scrivere un articolo consistente sui Chrome Cranks, una delle mie bands preferite degli anni '90.
L'uscita della monumentale doppia raccolta DIABOLICAL BOOGIE, tutt'altro che frattaglie, con tutte le sfaccettature di cui erano capaci, me ne offre occasione e non ho lesinato certo in enfasi !
(P.B.)
************************************************************************************




DIABOLICAL BOOGIE (Atavistic Records / 2007)

“…oltre due ore di oscura ferocia”, così predica lo stick apposto sulla confezione della doppia raccolta Diabolical Boogie dei newyorkesi Chrome Cranks, uscita per l’Atavistic Rec. a gennaio del 2007.
Ed ancora, una citazione dal New York Press : “ una desolazione talmente bruciante da far liquefare il makeup di una puttana da cinque dollari”.
Decisamente affascinanti metafore per descrivere il sound dei Chrome Cranks, quartetto newyorkese che ha attraversato come una meteora gli anni ’90 facendo terra bruciata attorno, concludendo impietosamente lo scorso millennio e lasciando ai posteri crudi documenti di un cocktail assolutamente devastante di punk, garage, noise e blues; quanto e forse più di bands altrettanto micidiali e seminali loro contemporanee che giocavano sullo stesso terreno sonico ma con modalità diverse (Gories, Oblivians, Fireworks, ’68 Comeback, Bassholes, Honeymoon Killers, Cheater Slicks), in virtù di un approccio assolutamente allucinato e dilaniato.
Un’epopea tutta americana forse di nicchia ed oggi affievolitasi, ma destinata nel tempo a suggellare fieramente a fuoco il declino di un millennio che per quanto riguarda il rock ne ha viste di tutti i colori.
Diabolical Boogie, il cui libretto interno è stato curato dallo stesso Peter Aaron, lead-vocal/guitarist della band, consta di 33 brani, b-sides, demo e brani tratti da sessions di registrazione di album ufficiali e 7 ”, inediti tratti da tributi e compilations, live rarities, tutti registrati tra il 1992 ed il 1998; un’imperdibile occasione per i neofiti di avvicinarsi ad una band che ancor oggi, passata a miglior vita, non teme rivali, anche se nel 1997 la stessa Atavistic, Chrome Cranks ancora vivi e vegeti, aveva fatto uscire una prima buona antologia, Oily Cranks, i primi rozzi vagiti lo-fi (per etichette varie, Munster, Insipide, Sympathy…), di una band ancora di stanza in Ohio, prima del salto fatale nella grande mela. Tra le altre cose un’ipnotica cover di Cool As Ice dei Suicide incisa per il tributo Your Invitation To Suicide nel ’94.
Dice Aaron, a conclusione del libretto e con una modestia che gli fa onore : “ No, non necessariamente i Chrome Cranks hanno creato il più rimarchevole ed adorato segmento nell’immortale continuum blues-punk; spero solo, e questo sarebbe abbastanza per me, voi apprezziate questo materiale che rischiava di andare perduto. In caso contrario, rimane tra il meglio noi abbiamo mai prodotto”.
Come dar torto ad Aaron ? Il suo vocalismo debordante, le chitarre al cianuro devastanti di William G.Weber e dello stesso Peter rendono sublime omaggio in Diabolical Boogie ad eroi rock e loro maestri riconosciuti come Marc Bolan con The Spider, Sky Saxon con Nobody Spoil My Fun, Devo con Auto Mo.down, gli AC/DC con Dog Eat Dog .
La versatilità musicale ed il ricchissimo background ispirativo dei Cranks escono decisamente allo scoperto : lo stesso Aaron definisce la loro Collision Blues come un incrocio tra American Girl di Tom Petty e Mirror Blues degli australiani Died Pretty.
Ma i picchi diabolici li trovate nella cover lasciva di Shut Down di Darby Crash & The Germs (anche i Germs scrivevano blues..commenta Aaron!), in quella deragliante e travolgente di Street Waves da Modern Dance (un brano dei Pere Ubu del 1975 in anticipo sui tempi allora come oggi dice Peter…) con il basso killer di Jerry Teel , densa di straordinarie intuizioni chitarristiche, in quella Little Johnny Jewel dei primissimi Television, qui perfidamente jazzata, le due chitarre che flirtano urticanti, nella spettrale The Devil is in the Texas di Daniel Johnston (dalla comp. Juke-box del Diavolo, Fridge Rec./2001).
Ed ancora, tra i brani originali : le feroci, sature all’inverosimile versioni live di Stuck in a Cave e Draghouse, con Aaron che tortura senza pietà le corde vocali con urla strozzate ed i riffs perforanti di Weber.
Lost Time Blues cattiva e cupa come mai in studio; Dyin’ Style, grande e feroce punk-song compressa tratta dalle sessions di Love In Exile, il rockabilly noir tragico Wrapped in red con il basso minaccioso di Jerry Teel e la drums oppressiva di Bob Bert.
Il boogie ossessivo di Dead Man’s Suit ( da Dope, Guns and Fucking in the streets / Amphetamine Reptile Rec., 1995) con la slide penetrante di Weber.
Sacred Soul, serialmente sulle orme dei Gun club di Fire of Love (fuzz e slide sugli scudi) ! Pin Tied, minacciosa come un temporale che si avvicina, le corde di Weber ed Aaron impazzite!
E come definire la schizzata Red Dress, prova in studio per un singolo giapponese mai uscito, l’oppressiva Safe From The Blade, l’impareggiabile omaggio ansiogeno agli MC5, Black To Comm registrato da un fanzinaro al CBGB.
Un’ulteriore cartina al tornasole di quanto ‘live i C.Cranks fossero eccezionali ed adrenalinici!
Ringrazio Aaron che tutti questi scarti sublimi siano giunti sino a noi in a un’unica soluzione.
Un full iniziale di potenti inedite songs: dalle potenti Love And Sound e More Than Alrite al blues Raw Power(izzato) di Remember me con William Weber in splendida forma, sino alle contorsioni noise dolorose di The Big Rip-off ed alla torturata Slow Crash, con Aaron ancora una volta sadicamente vocal-killer e Weber dagli spunti visionari.
La perfida e dark Some Kinda Crime (S.F.T.R.I./ 1993) conclude degnamente una doppia raccolta che si configura come un sontuoso testamento (pur con qualche alto e basso) di una band che ha realmente e con crudo espressionismo rappresentato il ventre bieco di New York, la disperazione ed il nichilismo suburbano americano di fine secolo.
Il loro no-future prendeva corpo non tanto attraverso i testi quanto era insito, conditio sine qua non, negli stessi moods soffocanti ed asfissianti del loro punk intriso di blues paludoso, dotato di un potere catartico unico, con cui i quattro sublimavano una visione esistenziale colma di disperazione e di frustrazione
Il punk non come denuncia sociale e dai connotati politici ma come urlo straziato di chi ha perso ormai ogni speranza in una società priva di qualsiasi forma di umanesimo e lo denuncia in un sadico attacco sonico, amaro e noisy, viatico un blues fetido ed epico allo stesso tempo, tracciando una via all’autolesionismo più bieco.

UN PO' DI STORIA ED I DISCHI

All’inizio di tutto c’era Peter Aaron, un giovane delinquente cresciuto nel New Jersey, ad un’ora da New York, trasferitosi per un periodo a Cincinnati nell’Ohio, dove fulminato sulla strada del punk cresce, serialmente eclettico, con dosi letali di Television, Pere Ubu, annaspando negli estremismi minimali no-wave del disco-manifesto No New York, ma anche trovando la rivelazione nell’avanguardia jazz storica di John Coltrane e dell’Art Ensemble Of Chicago.
Nasce qui il futuro eclettismo della discografia dei C.C..
Qui, dall’incontro, verso la fine degli ‘80 di Peter con il genio versatile del chitarrista William G.Weber nacque il primo nucleo dei Chrome Cranks, con una visione già chiara di ciò che volevano: blandire il punk con il blues e con le mille sollecitazioni di una vita consumata sulla strada!
Una volta tornati a New York, Aaron e Weber, entrambi dal poliedrico background rock e musicale, si uniscono al bassista Jerry Teel, potente e cavernoso bassista che aveva fondato e si era fatto le ossa nei seminali Honeymoon Killers (già campioni di crossover garage-blues) ed al batterista Dan Willis; inizia una frenetica attività segnata da incessanti tours in Europa, Canada ed Usa e da molteplici incisioni, singoli, EP, partecipazioni a tributi, compilations e tranci di colonne sonore.

Cinque albums ed un video nella primigenia MTV: grande riscontro di critica, ma pochi soldi, dice un amareggiato (?) Peter Aaron, sino allo scioglimento nel 1998.
Con Dan Willis incidono solo il primo album, Chrome Cranks, per la PCP, nel 1994; che contiene alcuni tra i loro crudi classici maggiori, schizzati come forse mai più dopo, Dark Room, Drag House, Stuck In A Cave, Bakdoor Maniac, Driving Bad, nei quali il blues è ancora troppo sottopelle ma con influenze molto nitide: Stooges, Mc5, Jesus Lizard.
E’ con l’arrivo di Bob Bert, batterista dall’energia primitiva che aveva condiviso gli epici inizi dei Sonic Youth e le contorte geometrie noise-garage dei Pussy Galore di Jon Spencer (il meglio del rock ‘altro’ a stelle e strisce tra gli ‘80 ed i ‘90, quello che raccolse attraverso una mirabile e lucida visione contemporanea l’eredità del rock dell’oltraggio di Mc5 e Stooges) che prende forma la line-up definitiva.
Con Bob Bert i Chrome Cranks incidono nel 1994 per la Crypt il loro secondo album epocale, Dead Cool, molto più introverso e criptico, Cramps e Suicide sugli scudi.
Incubi oscuri e sotterranei, come Dead Cool, Nightmare In Pink, Down So Low, Way Out Lover paiono la soundtrack ideale per crimini efferati in fetidi vicoli suburbani, la superba Desperate Friend (forse Aaron non raggiungerà mai più tale tragica intensità!) ed una coraggiosa sussultante cover di Lost woman degli Yardbirds, giocata sul filo del rasoio.
Netto è il calo del tasso di emotività in Love In Exile, dalla produzione incomprensibilmente asettica e ‘seduta’ (PCP/1996), ma che meglio delinea la linea compositiva di Aaron e dei Cranks. Contiene altri classici eseguiti in seguito live dalla band con ben altra energia: Lost Time Blues, Hit The Sand, Hot Blonde Cocktail, Down For The Hit il traditional See That My Grave Is Kept Clean, We’re Going Down.
E Live In Exile, uscito nel 1997 (Konkurrel / Au-go-go), dopo l’antologia Oily Cranks di cui parliamo sopra è il manifesto di questo assioma.Uno dei dischi più ‘forti’ usciti nel corso degli anni ’90 dello scorso millennio.
Un sordido ‘capolavoro’ registrato in alcuni malfamati clubs olandesi come il Vera di Groningen, sigillando a fuoco il loro marchio di fabbrica che stravolgeva blues, rock e tradizione sfigurandoli in una fumigante e disperata lava noise!
E’ in dischi come questo che i Chrome Cranks stigmatizzano violentemente il brusco stacco e la distanza abissale dal revivalismo di gruppi anteriori come Long Ryders, Green On Red, Dream Syndicate imponendo un vangelo noise e garage/punk intriso di crudezza suburbana .
Se non vantate una certa dose di masochismo auricolare è difficile reggere per intero il disperato attacco sonico dell’angosciato vocalismo e delle urla straziate di Peter Aaron, uno che sembra perennemente sull’orlo del suicidio, un incrocio tra l’indimenticato Darby Crash e il sordido Lux Interior, delle chitarre assassine di William G.Weber ed Aaron, vere e proprie rasoiate spaccatimpani, supportate dalla drums inossidabile di Bob Bert e dal basso minaccioso di Jerry Teel.
Oltre ai loro classici Lost Time Blues, Hit The Sand, Way-Out Lover, Hot Blonde Cocktail, rese dal vivo con cattiveria da serial killers vi segnalo una devastante, assatanata Dead Cool e le covers del traditional blues See that my grave is kept clean (violentato a dovere!) , di The Slider (T.Rex), Fire Escape (Scientists) e addirittura The Pusher (dei mitici Steppenwolf) che da loro è velocizzata e stravolta da far paura.
Prendere o lasciare !
A questo disco ho dedicato un pezzo a parte che potrete leggere poco più sotto in questo magazine.

CHROME CRANKS LIVE !

Il 18/04/1998, l’anno del loro scioglimento, i Chrome Cranks fecero un tour anche in Italia : li vidi all’Hype Pub di Trani (Bari); fu un’esibizione devastante, senza dubbio una delle performances più esaltanti cui abbia assistito in vita mia.
Per tutto il concerto uno stravolto Peter Aaron galvanizzò un’audience nutritissima (mi è dispiaciuto leggere in altra sede che ad esempio la data del 24 al Mamamia di Senigallia (An) fu disertata alla grande, provocando una stizzita reazione della band che dopo tre quarti d’ora abbandonò il palco!) stregata dalle sue minacciose e carismatiche movenze sul palco: maltrattò la sua chitarra sino a distruggerne le corde, incitava lascivo la gente come un ossesso, sino a lanciarsi dal palco tra le prime file creando il caos!
Quelle immagini, a distanza di quasi dieci anni, sono ancora bene impresse nella mia testa e nelle mie pupille : in quei momenti (ed ancora oggi) ho pensato fosse il legittimo ed assatanato erede della sacra asse Iggy Pop-Lux Interior-Jeffrey Lee Pierce-Darby Crash.
Ma tutta la band dimostrò in quel concerto una coesione ed una potenza esecutive straordinarie !
Ho contattato Peter Aaron per saperne di più di tutto……


http://www.grunnenrocks.nl/bands/c/chromecr.htm
http://www.myspace.com/chromecranks

PASQUALE BOFFOLI
Si è verificato un errore nel gadget