sabato 10 settembre 2011

LIVE REPORT: Franco Battiato, Ostuni, Foro Boario, 9 agosto 2011

'UP PATRIOTS TO ARMS TOUR 2011'

Sono trascorsi oltre trent’anni dalla pubblicazione di “Patriots”, ma Franco Battiato nel clima di sconvolgimenti politici in cui purtroppo versa il nostro paese in questo momento, riesce a rendere fin troppo attuale la tematica di rivolta sociale contenuta in esso.

JON ALLEN: “Sweet Defeat” (2011, Monologue)

# Consigliato da DISTORSIONI

Difficile il mestiere di cantautore ai giorni nostri. Inevitabilmente si finisce quasi sempre per essere paragonati ai grandi del passato. Nel caso di Jon Allen i nomi che saltano fuori sono quelli di Rod Stewart, Paul McCartney,Van Morrison, Bob Dylan, Harry Nillson, Art Garfunkel, James Taylor e altri cento almeno.

EX. WAVE: “Plagiarism” (2011, Sony Music/Bollettino Edizioni Musicali)

# Consigliato da DISTORSIONI

Forse non saranno in molti ad aver sentito parlare del progetto Ex. Wave. Questo perché si tratta di un’esperienza relativamente nuova e ancora alla ricerca (o quantomeno alla scoperta) di un approdo musicalmente ben identificabile. Sto parlando di due Maestri, proprio nel senso che la formazione di Lorenzo Materazzo e Luca D’Alberto (gli Ex Wave appunto) parte da un solidissimo background accademico, che dal

venerdì 9 settembre 2011

BARRENCE WHITFIELD & THE SAVAGES "Savage Kings" (2011, Munster Records/Goodfellas)

Le sorprese, quando sono positive, sono sempre benvenute. E questa lo è! Nonostante ascolti musicaccia sin dall'infanzia non mi ero mai imbattuto nel signor Barry White da Jacksonville, Florida, classe di ferro 1955, A.K.A. Barrence Whitfield, che a mia insaputa terremotava dai primi anni '80 le infuocate scene dei peggiori locali di Boston e circondario, con la sua voce tonitruante e la sua temeraria band (The Savages, non per caso), incidendo, nei ritagli di tempo, una manciata di album a cavallo tra il rockabilly e il garage più scatenato.

CASINO ROYALE: "Io e la mia ombra" (2011, Universal)

Ed eccolo il nuovo ritorno dei Casino Royale, a quasi cinque anni da "Reale", certo, niente rispetto ai nove passati da "CRX", anni trascorsi a trasmettere comunque segnali dalla loro nave spaziale in maniera trasversale, quale un uso intelligente e sempre di qualità del web. Un disco questo non dice molte cose nuove rispetto ai lavori precedenti ma ne ribadisce altre in modo molto chiaro, quasi come se i nostri, dopo aver trascorso gli anni ’90 a sentirsi dire quanto il loro suono fosse avanti ora avessero, giustamente, voglia di raccogliere quanto seminato.

giovedì 8 settembre 2011

PUNK - PLUGZ: "Electrify Me" (1978, Restless Records)

# Consigliato da DISTORSIONI

Oggi tutti conoscono Tito Larriva come un Ry Cooder di serie B. Ma prima, molto prima di arrivare alla Serie B, Humberto Tito Larriva ha militato in tutti le altre categorie, partendo dall’ ultima: quella del punk, girone ispanico. Lo stadio è quello del Vex, zona Est di Los Angeles. Il derby d’ oro si gioca contro gli Zeros. La Curva è sotto il palco. Odd Squad, Brat, Las Tres, Los Illegals sono le altre squadre del torneo, per un campionato che per molti dura una sola stagione.

THE SHADOW LINE: "I giorni dell'idrogeno"(in uscita il 28 Settembre 2011, Modern Life/Dougthedog)

# Consigliato da DISTORSIONI

The Shadow line sono un quartetto composto da Daniele Giannini alla voce e chitarra, Francesco Sciarrone alle chitarre e synth, Alessia Casonato al basso e Francesco Stefanini alla batteria: dopo dieci anni di attività giungono alla pubblicazione di "I Giorni dell'Idrogeno", che li vede cimentarsi con testi cantati in italiano. La band, forte di ascolti new wave, indie rock ed alternative pop di matrice britannica confeziona un lavoro costituito da otto tracce, tutte dal suono molto curato e convincente.

SHONEN KNIFE - OSAKA RAMONES: “Tribute To the Ramones” (July 19th 2011/Good Charamel Records)

# Consigliato da DISTORSIONI

Cosa succede quando un grazioso trio femminile di punk-pop nipponico, per celebrare i suoi trent’anni di attività decide di incidere come side project un tributo agli immarcescibili ed amatissimi inventori occidentali del punk-pop? Loro sono le Shonen Knife: Naoko Yamano (vocals, guitar), Michie Nakatani (vocals, bass), Atsuko Yamano (drums) e possono vantare più di 20 album incisi dal 1981 ad oggi.

mercoledì 7 settembre 2011

LIVE REPORT: Other Lives - 30 agosto 2011, Hoxton Bar Square, Londra

C’è un piccolo fermento attorno a questo gruppo, annunciato da molti come la “next big thing”. Anche Thom Yorke, sul blog dei Radiohead, menzionava un loro pezzo, tra le sue canzoni preferite. Gli Other Lives, si annunciano quindi come i degni eredi dello scettro dell’indie-folk, detenuto per ora da gruppi come Fleet Foxes e Midlake. Un Hoxton Bar sold out questa sera.

MALAKIA: "Malakia" (2006, Autoproduzione, Unknow Indie)

Che lo ska sia una delle musiche più piacevoli e forse la più “divertente” credo sia incontrovertibile. Mi ritrovo tra le mani e nelle orecchie questo lavoro dei milanesi Malakia e se questa recensione esce con notevole ritardo dalla data pubblicazione questi ottimi musicisti non se ne avranno a male poiché, a dispetto della musica che producono, veloce e saltellante come sappiamo, a loro piace “vivere con lentezza” se,

SHORT REVIEW - ZIBBA & RAPHAEL Featuring BUNNA: "Double Trouble" (2011, autoprodotto/Altoparlante)

Disco realizzato con passione per Zibba, senza l'ausilio del suo gruppo Almalibre, in collaborazione con il cantante Raphael e Bunna degli Africa Unite. Realizzato in un giorno, è un evidente omaggio alla musica reggae ed in particolare a Bob Marley, essendo costituito da undici tracce di cui nove sono cover del grandissimo artista scomparso, più due brani originali scritti da Zibba e Raphael (Double Trouble e la bonus track Una Parola Illumina, estratta da "Una cura per il freddo" del 2010 di Zibba con gli Almalibre).

SHORT REVIEW - RADICI NEL CEMENTO: “Fiesta” (2011, RNC Produzioni/Lunatik)

Ragione sociale di un gruppo, ma anche e soprattutto metafora della tradizione e della memoria storica di un mondo che dimentica troppo in fretta il suo passato irretito dai fuochi fatui di una modernità ormai remota e di un futuro da affrontare con le sue contraddizioni e le sue sfide, ben più denso ed intrigante del postribolo mediatico patinato e volgare che l’ultimo ventennio ci ha abituato a frequentare.

martedì 6 settembre 2011

BALLY CORGAN: Bally Corgan 7" picture disk (2011, Sonic Belligeranza - n.cat: +belligeanza 06) + interviste

Nel sotto suolo musicale italiano si possono fare incontri veramente interessanti: il nostro bel paese è percorso da fili invisibili che fra le varie città italiana formano una rete di contatto e scambio tra le più insolite realtà sperimentale. Nell’ambito della musica noise ed elettronica, passando da Bologna, non si può non incappare in un vero e proprio nume tutelare della recente avanguardia sonica italiana: Riccardo Balli alias Dj Balli.

lunedì 5 settembre 2011

LIVE REPORT: I WILL BE YOUR MIRROR - ATP Festival, 23 e 24 luglio 2011, Alexandra Palace, Londra

I Will Be Your Mirror, curato ogni volta da artisti diversi, e’ un festival itinerante e parallelo all'All Tomorrow’s parties. Dopo Tokyo è stata quindi la volta di Londra a fine luglio. Il festival questa volta e’ stato curato dai Portishead, uno dei gruppi faro del trip-hop inglese negli anni '90 e si è svolto nel palazzo ottocentesco di Alexandra Palace, un tempo luogo di svago degli abitanti del nord di questa metropoli.

domenica 4 settembre 2011

"Com'è bella Venezia": Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica, Biennale di Venezia 2011 - 68a Edizione, 31 agosto - 10 settembre 2011

Siamo più o meno alla metà della Mostra del Cinema di Venezia 2011: il nostro Alfredo Sgarlato fa il punto di ciò che è successo e si è visto, e ci serve le anteprime dei film in programmazione nei prossimi giorni (W.B.)

Cosa si è visto
Sulla carta la nuova Mostra del cinema di Venezia - 68a Edizione - si presenta bene e almeno i primi film lo confermano. Tradizionalmente i

LIVE REPORT: "Jazz à Juan" 51a Edizione (15 luglio 2011, Pinède Gould, Antibes /Juan-Les-Pins, Francia)

La 51a edizione di "Jazz à Juan", il più longevo tra i festival jazz europei, si è sviluppata dal 14 al 24 luglio con una programmazione non ortodossa e fortemente diversificata: tradizione, innovazione e ricerca ("on" e "off"), dentro e oltre i linguaggi del jazz e della musica contemporanea, dal pop/rock (Santana) al soul, dal blues (Hunter e BB King) ai ritmi latini (Gilberto Gil), al gospel.
Si è verificato un errore nel gadget