sabato 4 giugno 2011

WARREN HAYNES: “Man In Motion” (2011, Mascot/Provogue)

Warren Haynes, North Carolina, classe 1960, è sicuramente uno dei musicisti rock-blues più importanti degli ultimi due decenni. La voce e chitarra dei Govt Mule ritorna a distanza di diciotto anni con un lavoro solista. Si tratta di "Man in Motion", un album che splende della luce della soul music. Come rivela lo stesso Haynes: "E' un album totalmente soul. Riporta sino alle mie influenze precedenti la scoperta del rock n' roll". A poche settimane di distanza dall'amico e collega Gregg Allman, anche Warren Haynes pubblica un lavoro solista, il secondo della sua lunga carriera nella quale vanta collaborazioni importanti.
Una su tutte è quella con la Allman Brothers dal 1990 al 2004 ma anche con la Derek Trucks Band, con The Dead (formazione composta da alcuni ex membri dei Grateful Dead) e con la Dave Matthews Band. "Man in Motion" è un disco in cui il soul è il motore e il blues il suo carburante. Un album intenso e piacevole, dove l'unico difetto può forse essere trovato nella lunghezza eccessiva dei brani. Nel disco non troverete la torrenziali chitarre dei Gov't Mule ma armonie che richiamano il magico suono del rhyhtm'n'blues. Albert King, Aretha Franklin, Stevie Wonder, Ray Charles, Otis Redding sono attori non protagonisti di questo secondo lavoro da solista del chitarrista americano.
Il disco si avvale di ottime collaborazioni tra cui Ivan Neville all’hammond, Ian McLagan al piano, George Porter al basso, Ruthie Foster ai cori e Ron Holloway al sax.
In un' intervista rilasciata a Ernesto de Pascale anni fa Haynes diceva: 'Io tendo a pensare come cantante in un modo, in un altro come chitarrista e in altro ancora come autore. Tendo a mantenere ben aperte le ali dell’ispirazione e delle influenze di cui non mi vergogno assolutamente'. Dichiarazione che potrebbe aiutare molti a comprendere la sua musica. Il disco si presenta con dieci tracce tra cui spiccano la title track Man In Motion, River's Gonna Rise, Sick Of My Shadow, Your Wildest Dreams, On A Real Lonely Night, ma soprattutto il bellissimo finale di Save Me, una vera e propria preghiera a cuore aperto.Dieci canzoni che scorrono leggere l'una dopo l'altra senza mai stancare. Sì, perchè averne abbastanza della chitarra di Warren Haynes è davvero impossibile.
Michele Passavanti
Provogue Records

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget