sabato 4 giugno 2011

EXPLOSIONS IN THE SKY: “Take Care, Take Care, Take Care” (2011, Temporary Residence Limited)

Explosions in the sky, da Austin, Texas sono uno dei migliori gruppi del cosiddetto post-rock, i loro dischi sono totalmente strumentali: attivi dalla fine dello scorso decennio, hanno esordito nel 2000 con "How strange, innocence". Il gruppo si compone di Mark Smith , chitarre, (niente a che vedere ovviamente col leader di The Fall), Michael James, basso, Munaf Rayani, chitarre e Christopher Hrasky alla batteria. Tra ambient e in odore di soundtrack cinematografiche, spesso sono stati accostati ai grandi Goodspeed You Black Emperor! anche se questi hanno dalla loro una maggiore dilatazione delle songs oltre ad uno sperimentalismo più acuto.
Questo ultimo disco "Take Care, Take Care, Take Care" non si discosta molto dai precedenti, presentando le tipiche sognanti ed avventurose divagazioni chitarristiche tipiche del gruppo texano: sei i brani in scaletta che superano in media gli otto minuti di durata, e con un bel disegno roots in copertina, anche questo nello stile tipico delle altre opere della band. Fra i brani mi preme segnalare la sognante Be Comfortable, Creature, dalle parti del Kraut-Rock anni 70 e Human Qualities splendida: ricorda gli Spiritualized più spaziali o se volete un outtake di un film di Greenaway, anche se siamo lontani dallo stile minimalista dei pezzi cari a Wim Mertens. Il disco potrebbe risultare abbastanza monocorde ai più, specie a chi non conosce le precedenti opere degli Explosions e una volta finito il disco non viene voglia di ricominciare daccapo: questo genere prevalentemente strumentale può risultare alla lunga stancante e ripetitivo, magari adatto soltanto come tranquilla musica di sottofondo. Il mio consiglio se non avete nulla della loro precedente produzione è di accostarvi piuttosto ad altri lavori più significativi quali "Those Who Tell the Truth Shall Die, Those Who Tell the Truth Shall Live Forever" (2001) e l'ultimo in ordine di tempo "All of a Sudden I Miss Everyone" (2007), forse la loro opera maestra. Da segnalare per concludere che la band ha suonato in Italia Domenica 29 Maggio 2011 a Bologna nella sua unica apparizione dalle nostre parti, un' ottima occasione per vedere all'opera una delle più interessanti bands del nuovo millennio.
Ricardo Martillos
Explosions In The Sky - Be Comfortable, Creature
Temporary Residence

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget