sabato 4 giugno 2011

THE BASEBALL PROJECT Vol. 2: "High and inside" (2011, Yep Roc/IRD)

Steve Wynn e Peter Buck hanno condiviso due cose nella loro vita: musica e sport. E alla fine hanno finito per mettere su questo progetto che, fosse stato tirato su in Italia, ci avremmo riso fino a farci scoppiare le panze. Invece siamo qui a sorbirci questa “americanata” messa su da Wynn e Buck col supporto della moglie del primo (Linda Pitmon) e un amico dell’altro (Scott McCaughey) e coadiuvata da un po’ di amici invitati per l’ occasione (Ira Kaplan degli Yo La Tengo, Chris e John dei Decemberists, Ben Gibbard dei Death Cub for Cutie, Craig Finn degli Hold Steady e Steve Berlin dei Los Lobos).

Un supergruppo che gioca con la musica americana come gli è consueto e che parla solo di … baseball. Proprio così. Il “progetto baseball” nasce qualche anno fa come un diversivo con cui ristorarsi tra un impegno discografico e l’altro. Wynn e Buck, in un campo di baseball, possono girare senza dare troppo nell’occhio, nonostante i cappelli a falde larghe e  l’arsenale di banjo, dobro e mandolini che si portano dietro. Lontani da casa loro, sono al riparo.
E possono concedersi di fare gli yankee e giocare, cosa che ormai viene loro negata nelle uscite con le divise ufficiali. Cantano dei loro eroi con mazze e cappellino e delle loro (dis)avventure: Denard Span (famoso per aver colpito la madre seduta in tribuna con un foul), Bert Blyleven, Ichiro Suzuki, Bill Buckner, Carl Mays e decine di altri personaggi su cui si disserta amabilmente non solo lungo le canzoni ma anche nelle ricche note di copertina che accompagnano ogni singolo titolo. Gente che ha speso la propria vita con i piedi sopra un diamante di 27 metri quadrati e che nonostante tutto qui da noi rimane più anonima di un giocatore di solitario.
Franco “Lys” Dimauro
1976
Chin Music
Strychnine

Baseball Project Vol.2
Yep Roc Records

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget