martedì 4 ottobre 2011

U.S. CHRISTMAS (USX): "The Valley Path" (release date: 1° maggio 2011, Neurot Recordings)

# Consigliato da DISTORSIONI

Che la psichedelia non sia mai morta è un dato di fatto. Spesso è sopravvissuta come un fiume carsico all’interno di generi musicali di confine quale il progressive, lo space-rock, l’acid rock, lo stoner, l’ambient. U.S. Christmas è una band di psichedelia blues con forti influenze stoner proveniente dal Nord Carolina ed attiva dal 2002. Rispetto al più denso e cerebrale “Run Thick In The Night” del 2010,

questo "The Valley Path", prodotto nel 2011 dalla Neurot Recordings sembra davvero voler recuperare il senso più profondo della psichedelia e le forme molteplici dell’alterazione di coscienza. Non è un caso che nel 2010 gli U.S. Christmas abbiano realizzato insieme ai Minks e agli Harvestman un album tributo agli Hawkwind, una delle band psichedeliche più estreme e dimenticate del panorama rock. "The Valley Path" non è tuttavia un album esclusivamente rievocativo.

Infatti se gli Hawkwind proiettavano la profondità alterata della mente verso lo spazio cosmico, gli US Christmas cercano invece di ricondurre la profondità dell' inconscio verso la propria terra, quella dei canyon, delle montagne, delle foreste. Anche le distanze e le durate in questo "The Valley Path" sono davvero sconfinate, sviluppandosi in un'unica traccia di quasi 40 minuti in cui tutto è dilatato, trascinando l’ascoltatore in un viaggio estremo attraverso la persistenza di sonorità ipnotiche (quasi a rievocare le interminabili jam-session degli Hawkwind che sfidavano la tempra fisica dei musicisti e del pubblico).
Si passa dall’ heavy blues allo space-rock, dall’ambient (a tratti minimale) allo stoner, oscillando su un insieme finito di baricentri sonori che progressivamente prendono forma e progressivamente vengono smontati. Il rumore di fondo non rimanda a spazi celesti o a regioni lontane, piuttosto a regioni terrene come si percepisce dai sottofondi ambientali dei venti del canyon, dei versi di animali rapaci, del frinire notturno delle cicale. "The Valley Path" si sviluppa come un viaggio che è contemporaneamente una esplorazione delle regioni dilatate della mente ma anche una celebrazione della natura, di quella terra a cui ci si sente inconsciamente legati e in cui ci si sente accolti quasi come in un abbraccio. Questa è la maestosa psichedelia degli U.S. Christmas.
Felice Marotta

neurotrecordings/uschristmas

The Valley Path

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget