domenica 20 marzo 2011

EARTH: “Angels of Darkness, Demons of Light I” (2011, Southern Lord Records/Goodfellas)

In questo avvio del 2011, gli Earth ci propongono “Angels of Darkness, Demons of Light I” (2011, Southern Lord Records), sesto album della loro più che ventennale carriera. Gli Earth sono espressione della personalità oscura e complessa del chitarrista Dylan Carlson, che fondò la band nel 1989 a Seattle nel pieno dell’esplosione grunge (Dylan Carlson fu amico personale di Kurt Cobain, che come è noto si tolse la vita utilizzando un fucile che apparteneva allo stesso Carlson).
Nella prima metà degli anni ’90, gli Earth proponevano un drone rock d’avanguardia, molto lento e ripetitivo, ispirato ai primi Black Sabbath e al minimalismo di Terry Riley e La Monte Young. Molto più estremi rispetto a quanto riuscivano ad esprimere i primi Melvins, gli Earth con “Earth 2: Special Low - Frequency Version” divennero il riferimento di un nuovo genere, ispirando band del calibro dei Sunn O))), che da lì a breve avrebbero portato il drone-metal sino alle conseguenze più radicali. Dopo una prima fase rigorosamente drone che dura sino al 1996, gli Earth si ripresentano sulle scene nel 2005 con “Hex; Or Printing in the Infernal Method”, dopo una pausa durata quasi dieci anni dovuta a problemi legali e di droga, con una miscela nuova di drone, Americana e folk-country, rallentando ancora i ritmi sino a raggiungere una religiosa ed inquietante pacificazione interiore.
Nel 2011 gli Earth propongono “Angels of Darkness, Demons Of Light: I” con Dylan Carlson alla chitarra, colonna portante della band, Adrienne Davies alla batteria, Lori Goldston al violoncello e Karl Blau al basso. L’album, decisamente più melodico rispetto ai precedenti lavori, inizia con Old Black, una miscela molto diluita e acida di psichedelia folk-country che conquista già dal primo ascolto, per passare poi all’oscuro ed inquietante sonno ipnotico di Father Midnight lungo ben 12 minuti.
Si arriva a Descent to the Zenith, il brano decisamente più coinvolgente ed intrigante di tutto l’album, in cui alcune linee melodiche si intessono in una trama sonora rallentata sino all’estremo, ma capace ancora di emozionare. Come in una camminata nel deserto, Hell's Winter procede lentissima e stanca per più di 11 minuti per giungere infine alla title-track Angels of Darkness, Demons Of Light: I un brano di oltre venti minuti che ci proietta in un abisso realizzato con il materiale drone più ruvido e con una intensità che cresce progressivamente ma che non raggiunge mai livelli convincenti.
Questo “Angels of Darkness, Demons Of Light: I” è per certi versi un album affascinante e seducente, anche se nel complesso appare come un'opera incompiuta, una occasione persa per un lavoro di più ampio respiro che tutti gli appassionati del genere sicuramente si aspettano.
Felice Marotta


Gli Earth saranno in tour in Italia nell’aprile di quest’anno con queste date:
26/04/2011 – Torino, Spazio 211
27/04/2011 – Roma, Init Club
28/04/2011 – Bologna, Locomotiv
29/04/2011 – Padova, Unwound

discografia in studio:
1993: Earth 2: Special Low-Frequency Version
1995: Phase 3: Thrones and Dominions
1996: Pentastar: In the Style of Demons
2005: Hex; Or Printing in the Infernal Method
2008: The Bees Made Honey in the Lion's Skull
2011: Angels of Darkness, Demons of Light I

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget