mercoledì 7 dicembre 2011

CULT RECORDS - TWINK: "Think Pink" (1970, Polydor)

Twink, ovvero John Charles Alder, batterista, lead singer e songwriter, è stato una figura di culto per la musica inglese underground: tutt'ora un grande batterista, molto originale e complesso nello stesso tempo. Ha suonato psichedelia sin dalla prima metà degli anni '60 con i Fairies (con essi realizzerà tre singoli) ed In-crowd, che ben presto cambiarono nome in Tomorrow: collabora all'omonimo capolavoro "Tomorrow" (1968), un caleidoscopico viaggio tra sogni colorati e illusioni hippie; milita anche negli Aquarian Age e nei Pretty Things, con i quali pubblicò un'altro lavoro seminale: "S.F. Sorrow" (1968), la prima opera rock o album-concept che dir si voglia della storia in assoluto! Nei '70 transita nei Pink Fairies agendo nel giro più libertario e politicizzato dell'ambiente alternativo londinese: conosce Mick Farren e Paul Rudolph dei Deviants che collaboreranno di lì a poco al suo album solista uscito nel 1970: "Think Pink".
"Think Pink", al quale collaborano anche Junior Wood (Tomorrow), John Povey (Pretty Things), Steve Took (T.Rex), é un disco molto significativo proprio del creativo periodo psichedelico inglese fine '60 primi '70: siamo alle prese con un lavoro libero da schemi, rumoristico, ricco di grandi spunti stumentali, soprattutto vampate chitarristiche impressionanti. Il disco si apre con The Coming of the One, brano ricco di voci lontane e nastri tagliati e trattati; segue l'acidissima versione di Ten Thousand Words in a Cardboard Box, pezzo già suonato qualche anno prima con gli Aquarian Age; il delirio ipnotico Dawn of Magic; la frenetica sfuriata chitarristica Tiptoe on the Highest Hill; la meravigliosa erotico-psichedelica Fluid; l'improvvisazione tribale di Mexican Grass War. "Think Pink" è uno degli ultimi acid trip inglesi, un disco che abbandona la psichedelia ed apre le porte all'hard underground degli anni '70. Twink suonerà poi nell'album solista di Mick Farren "Mona – The Carnivorous Circus" (1970). Darà quindi il suo importante apporto al revival psichedelico degli '80 collaborando con i Plasticland di "You Need a Fairy Godmother" (live, 1989), ed incidendo nel 1990 per la Woronzow di Nick Saloman (aka Bevis Frond) "Magic Eye" (Bevis & Twink, album) (1990) in coppia con l'immenso chitarrista/songwriter Bevis Frond. Altre collaborazioni, compilation e live album di Twink costelleranno tutti gli anni '90 sino al sorgere del terzo millennio, confermandolo quale artista attivo e generoso, protagonista della scena neo-psichedelica anglosassone.

Angelo Demonte

Twink/ProgArchives

"Think Pink" Tracklist:
- The Coming Of The Other One (03:37)
- Ten Thousand Words In A Cardboard Box (04:31)
- Dawn Of Magic (01:43)
- Tiptoe On The Highest Hill (05:23)
- Fluid (04:04)
- Mexican Grass War (05:29)
- Rock An' Roll The Joint (02:46)
- Suicide (04:26)
- Three Little Piggies (03:15)
- The Sparrow Is A Sign (02:23)


Twink Solo Discography # Consigliato da DISTORSIONI
# Think Pink (Sire Records, 1970 - recorded July 1969)
* Apocalipstic / He's Crying - 7" single (Twink Records, 1986)
* Space Lover - 12" maxi-single with 5 versions of the song: Rock 'n' Roll No. 1;
Rock 'n' Roll No. 2; Psychedelicised; Instrumental; Percussed (Twink Records TWK 2, 1986) (as Twink & The Fairies)
* Driving My Car / War Girl - 7" single (Twink Records, 1987)
* Kids Aid / Instrumental - 7" single (Twink Records) (as Children Of The World)
* Psychedelic Punkeroo / Seize The Time - 7"/12" single (Twink Records, 1990?)
* Mr. Rainbow (Twink Records, 1990)
# Odds & Beginnings - part compilation album (Twink Records, 1991) (featuring former Fairies colleagues Dane Stephens and Mick Weaver)
* Festival Of The Sun - live album (Twink Records, 1995 - recorded 1993) (with Nik Turner, as Pinkwind)
* Purple Haze - live album (Twink Records, 1996 - recorded 1995) (with Nik Turner, as Hawkfairies)
# Out Of The Pink Into The Blues (Twink Records - or HTD Records?, 1996?) ("recorded live at the Bridge from mid seventies till eighties", as Mouse & Twink: Fairies)
* Pleasure Island - album (Twink Records, 1996) (with Paul Rudolph, as Pink Fairies)
* No Picture (Twink Records, 1997) (with Paul Rudolph, as Pink Fairies)
*# The Lost Experimental Recordings (Get Back Records, 2000 - recorded late 60's to early 70's)



1 commento:

aldo ha detto...

I Fairies non erano assolutamente psichedelici, parliamo infatti del 1964-65...un gruppo influenzatissimo dai Pretty Things anche come immagine. A proposito di loro, Twink partecipó a SF Sorrow che era stato iniziato con Skip Alan che abbandonó il gruppo nel bel mezzo...

Si è verificato un errore nel gadget