giovedì 15 dicembre 2011

SANDRO SATTA, ROBERTO BELLATALLA, FABRIZIO SPERA: “Re-Union” (Recorded Live, 9 aprile 2011, Rudi Records)

# Consigliato da DISTORSIONI

Fortemente voluto da Massimo Iudicone, fondatore della Rudi Records, e registrato nell'aprile di quest'anno presso il live-club della capitale La Riunione di Condominio, "Re-Union" fotografa con sorprendente bellezza lo stato di grazia di tre autentici maestri dell'improvvisazione jazzistica italiana e non solo. Il rapporto dialogico
che si va intrecciando per tutta la durata del disco unito ad uno stile e ad una fisicità davvero di rara eleganza, ha l'immediata capacità di catturare a sè l'ascoltatore, un magnetismo inarrestabile lungo i sei episodi in cui è diviso il live. Il lirismo ed il fraseggio di Sandro Satta (sax alto), la spiritualità e l'esperienza di Roberto Bellatalla (contrabbasso), il tocco e la dote interlocutoria di Fabrizio Spera (batteria) sono tutti elementi che risaltano ma che, al tempo stesso, ritroviamo ben impastati nell'intensità sonora ed emotiva che scorre con incredibile fluidità nel corpo e nell'anima tra temi che si sviluppano in serrate conversazioni a tre, accenni bop, derive free ed atmosfere rarefatte; tutto in un tempo d'esecuzione che potrebbe cristallizzarsi tra il petto e l'addome ...fisicità, appunto. L'orecchio sembra riconoscere in alcuni momenti come dei suggerimenti provenire da Coltrane, Hemphill, Parker, Ayler, Roach, Braxton, Art Ensemble Of Chicago e chissà quanti altri. In realtà "Re-Union" pare poter trascendere da semplici accostamenti ai nomi che compongono la costellazione del jazz pur facendo parte a pieno titolo della medesima storia. Quello che vi ho invitato ad ascoltare è in assoluto, per il sottoscritto s'intende, uno degli album più interessanti e convolgenti di questo 2011.
Aldo De Sanctis

Rudi Records/Re-Union

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget