domenica 27 marzo 2011

COME: "Don't ask, don't tell" (October 4 1994, Matador Rec.)








Potremmo definire i Come gli alfieri della ballad rumorosa in crescendo, carica di una tragicità e di un'epica della sconfitta abbastanza tipica di un certo sound anni novanta. Legati, in qualche modo, al binomio melodia-rumore di bands come Husker Du, Dinosaur Jr, Pixies e Squirrel Bait, precedenti ai famosi novanta, ma impregnati anche di tutto quello venuto dopo ed in primo luogo alla breve ma fondamentale epopea grunge e al post rock di quel periodo. Non per niente il batterista della band, l'ex Codeine Chris Brokaw fa parte della squadra insieme alla cantante Thalia Zedek (ex Live Skull). Il drumming di Brokaw, bisogna dirlo, anche in questo caso fa spesso la differenza, proprio come ai tempi del trio di Chicago e dimostra un'assoluta padronanza anche nell'esercizio di furiose cavalcate e non solo in quello di tempi ultra-lenti. Fra l'altro i due pezzi del disco (fra cui uno strumentale) che più ricordano il "ralenti" dei Codeine sono forse i meno convincenti. La voce della Zedek, cupa e tragica e forse non proprio originalissima, è comunque carica di pathos e piacevole.


Musicalmente i Come dimostrano grande maturità nel proporre pezzi che sembrano non andare da nessuna parte, quasi senza forma, ma che poi si aprono in splendide ballate come la fenomenale Let's get lost dal sapore blues e "rumorosa" al punto giusto. Ci sono grandi e belle (non) canzoni in questo disco, con una prima parte più movimentata ed una seconda più rilassata. Sono capaci di emozionare i Come, vuoi per la voce della Zedek capace di insinuarsi nel tumulto degli strumenti e vuoi per le partiture stesse, per i crescendo improvvisi. Per quanto mi riguarda lo considero un album decisamente da riscoprire. Se pensiamo al 1994 non possiamo dimenticare che il grunge era ormai alla fine e che la maggior parte delle bands fondamentali dell'epoca avevano praticamente detto tutto. Il post rock stava diventando sempre più cerebrale ed atmosferico, la musica ambientale iniziava a prendere il posto del noise primi anni novanta. I Come invece riportano l'accento sul rock, sulla crudezza e sull'umanità di un certo sound. Un ritorno alla fisicità senza perdersi in tortuosità intellettualoidi.
Andrea Fornasari

Come:
Thalia Zedek (vocals, guitar, percussion)
Chris Brokaw (guitar, vocals, percussion)
Sean O'Brien (bass)
Arthur Johnson (drums, vocals)

Don't Ask, Don't Tell - tracklist:
"Finish Line" (6:34)
"Mercury Falls" (4:16)
"Yr Reign" (4:19)
"Poison" (2:26)
"Let's Get Lost" (7:07)
"String" (3:49)
"German Song" (5:54)
"In/Out" (4:45)
"Wrong Side" (4:45)
"Arrive" (7:36)

Come discography:
1992 Eleven (Matador)
1994 Don't Ask Don't Tell (Matador)
1996 Near Life Experience (Matador)
1998 Gently, Down the Stream (Matador)

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget