mercoledì 1 dicembre 2010

SHORT REVIEWS - LOVE IN ELEVATOR: Il Giorno dell’Assenza (2010, Epic & Fantasy/Go Down/Audioglobe/Lunatik)

L’ultima volta che mi sono occupato dei veneti Love In Elevator è stato nel 2005 a proposito del loro primo cd full-lenght, "Sue Me"; li ritrovo cinque anni dopo in occasione di questo nuovo lavoro, "Il giorno dell’Assenza": la prima cosa che mi viene da pensare ascoltando gli undici episodi del disco è che da qualche parte deve esserci un errore, talmente mutato è il loro attuale suono rispetto i trascorsi punk ed indie.
A guidarli sempre la cantante Anna Carazzai che in più di un’occasione sfodera interpretazioni ambiguamente ‘viziose’ ed ammiccanti (Mata Hari, in odore di Blond Redhead), a volte filtrate, altre addirittura intimistiche come nella conclusiva delicata Honey, cartina al tornasole di quanto si sia arricchita la gamma espressiva dei Love In Elevator.
I quasi nove minuti in crescendo, tormentati e densi di Dune, nobilitati dal violino di Nicola Manzan svelano enormi ambizioni estetiche, addirittura riferimenti ai King Crimson più solenni (lo so, è arduo da credere) ed a certo progressive roboante.
Insomma di punk ed indie-rock sopravvivono pochissime vestigia, subito trasfigurate nella ricerca di atmosfere a volte forse troppo sature, qualcosa che è difficile etichettare (Mancubus), ma che lascia nelle orecchie una scia significativa.

Wally Boffoli

LoveInElevator

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget