giovedì 5 gennaio 2012

LAURA: “Twelve hundred times” (Uscita: 14 ottobre 2011, Autoproduzione)

Laura è una band post-rock proveniente da Melbourne, in Australia, con una decina di anni di attività alle spalle e quattro uscite musicali all’attivo. “Twelve Hundred Times” è il loro terzo album. L’essenza del disco è ben rappresentata dalla copertina dell’album che mostra una immagine al microscopio di un granello di cenere vulcanica ingrandita 1200 volte e caratterizzata da un’ampia varietà di sfumature di grigio e di colori freddi, quasi una olografia. La band ha raccontato
di essere rimasta impressionata dalle immagini dell’ eruzione e dell’esplosione di cenere del vulcano islandese Grimsvotn. Ogni evento drammatico porta sempre con sé le condizioni per una rinascita ed è noto che le terre attorno ai vulcani sono particolarmente fertili. E’ questa la visione su cui ruota “Twelve Hundred Times”, un disco dalle atmosfere grigie e cineree. La luce è offuscata da una polvere sottilissima di cenere. Tutto è terribilmente controllato nella drammaticità e nella desolazione e non vi è spazio alcuno per l’emotività. Ma una rinascita sorge sempre sulle ceneri di eventi terribili, almeno questa è la speranza. Un album cupo e raffinato, forse un po’ fiacco nella seconda parte, ma con molti momenti di grande spessore come il brano d’apertura Visitor, la potente e malinconica This Grey Earth (da apprezzare il video ufficiale della band) e la conclusiva New Safe Confinement.
Felice Marotta

Laura


Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget