giovedì 4 agosto 2011

RIAFFIORA: “La Marsigliese” (2011, Soviet studio/Wondermark/Lunatik)

A distanza di nove anni dalla loro nascita i Riaffiora giungono al disco d’esordio dopo un percorso che li vede passare attraverso la realizzazione di tre EP, fra i quali “French Kiss” , il cui video omonimo vince nel 2009 al MEI il premio come miglior videoclip indipendente, e il successivo intrigante progetto multimediale “Antonio P.”, singolo e videoanimato frutto del parto collettivo di menti diverse le cui idee vengono raccolte e fuse in forma di racconto sonoro e visivo, ottimamente recensito da alcune delle più influenti riviste e webmagazine italiane del settore.
Da citare senz’altro Tutto Digitale che definisce il video come uno dei più interessanti e significativi visti al PIVI 2010. “La Marsigliese” segna una svolta, come è ovvio, non solo per il passaggio all’agognato primo disco, quanto soprattutto per l’approccio che i quattro di Cittadella riservano all’elaborazione progettuale, tecnica e realizzativa del lavoro. L’apporto di Roman Chris Murphy (già al banco con King Crimson, Jamie Walters e Tony Levin) è puntuale e deciso nel dare senso compiuto a un’opera nata ambiziosa e poliedrica. L’impianto rock dell’ex trio che vede Andrea D’Amato al basso e alla voce, Matteo Merenduzzo alle chitarre, Paolo Troiese alla batteria e che si è arricchito di un quarto elemento nella figura di Alessio Montagna alle tastiere, all’organo e al piano, evolve in atmosfere molto più variegate che in passato, proponendo undici tracce visionarie e al tempo stesso precipitate nella realtà di personaggi-contro, umili ma pregni di una loro dignità violentata e offesa, ma mai definitivamente cancellata.
Storie di perdenti eroici nella loro fuga oscura: da L’alchimista a Requiem fino alla macchina del tempo letteraria e sonora di Andreij. Al fascino dell’operazione non sono estranee le location scelte per le registrazioni: una chiesa del ‘700 per il prezioso organo; un teatro del ‘400 per violini, organetto e cori; alcune calli veneziane per chitarre acustiche, suoni e voci vere di città e di vita; una casa del ‘600 per le voci principali e il piano. Scelte coraggiose che danno vita ad un ottimo disco che forse vede nell’eccessiva magniloquenza di certi arrangiamenti orchestrali e nello scivolare del vocalist verso certi Sangiorgismi o Sarcinismi, come ad esempio ne Lo schianto, gli unici punti deboli di questo bel prodotto. Da sottolineare, come anche in questa occasione, i Riaffiora abbiano affiancato al cd un cortometraggio volto a documentare le varie fasi di realizzazione del disco. In definitiva, un quasi concept-album che vive e si arricchisce dei suoni e degli umori della terra veneta, delle sue ombre e delle sue luci. Un buon primo passo verso nuovi orizzonti di evoluzione creativa.
Maurizio Galasso

Video Rockumentary, documentario di Massimo Toniato sulla realizzazione del nuovo album dei Riaffiora, "La Marsigliese"

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget