giovedì 17 marzo 2011

OLAFUR ARNALDS: "And They Have Escaped The Weight Of Darkness" (Jun 8 2010, Erased Tapes Records)

Fuggire dal paese delle oscurità. Questa è la prerogativa del nuovo lavoro di Olafur Arnalds. Non è mica cosa semplice Olafur, anche se in un tempo così buio fuggire può sembrare l'unica soluzione! In un tempo in cui anche la musica sembra arrendersi e non trovare il suo spazio. In un tempo in cui un disco come questo può passare inosservato. Allora si, è proprio il momento di fuggire.
Dopo avere abbandonato il posto di batterista in formazioni hardcore come i Fighting Shit ed i Celestine, Olafur Arnalds esordisce nel 2007 con l'album "Eulogy for Evolution" a cui seguiranno tre EP: "Variations of Static" del 2008, "Found Songs" e "Dyad" del 2009. Il nuovo album del polistrumentista islandese é un peregrinare tra le note alla ricerca di emozioni perdute. L'impianto é scheletrico: sono il pianoforte e gli archi gli elementi portanti del disco. Ogni singola nota nasconde un emozione. Ogni singolo passo è mosso dalla consapevolezza.
Þú Ert Sólin è il brano che dà inizio a questa fuga che ci porterà almeno per qualche minuto lontano dalle nostre paure e dalle nostre insicurezze.
Þú Ert Jörðin arriva, ti accarezza e nemmeno te ne accorgi.
Tunglið sembra scrutarti dentro, scorre veloce per poi aprirsi come un fiore ai raggi del post rock. In Loftið Verður Skyndilega Kalt e in Kjurrt si possono sentire le lacrime dei violini cadere sul pianoforte.
Gleypa Okkur e Hægt, Kemur Ljósið ti portano su macchiandoti dell'azzuro del cielo. Undan Hulu è una ninna nanna senza leggi gravitazionali. In Þau Hafa Sloppið Undan Þunga Myrkursins tutti gli strumenti si abbracciano come in un lungo addio. Ed è allora tempo di fuggire Olafur, in un paese dove il tuo pianorte, i tuoi violini, le tue note e le tue emozioni possano trovare il giusto riconoscimento.
Michele Passavanti

1 commento:

Anonimo ha detto...

la scena islandese oggi è una delle più ricche!

Si è verificato un errore nel gadget