domenica 9 gennaio 2011

THE WILDEBEESTS: "Gnuggets" (2010, Dirty Water)

Wildebeest (pronunciato uild:bist) in inglese indica quel mammifero africano conosciuto anche come gnu. Che cosa c’entra il placido erbivoro della savana con le uggiose e verdeggianti campagne della Scozia? Ben poco, se non fosse per un gruppo di tre musicisti, non proprio ragazzotti, che ha deciso di usarlo come nome per la sua band.
John Gibbs, Lenny Helsing, Russ Wilkins si sono avvicendati nel corso degli anni in vari progetti musicali come The Kaisers, Holly Golightly Band, The Masonics, Thanes, Green Telescopes, Pop Rivets, Milkshakes, Delmonas. Se nessuno di questi nomi vi dice niente basta dire che hanno tutti gravitato nell’orbita di Billy Childish. Tutto più chiaro adesso?
Quello che si può considerare una sorta di supergruppo, e che insieme al suo nume tutelare sta tuttora facendo la storia di un certo tipo di musica denominato Medway-beat.
Nato nella contea inglese del Kent nel sud-est dell’Inghilterra, il Medway-beat che prende il nome dall’omonimo distretto, è un movimento culturale non solo musicale, nato dal genio di Billy Childish all’epoca del punk ’77 con la sua prima band i Pop Rivets (di cui Wilkins faceva parte) e i suoi successivi progetti a cui i Wildebeests parteciparono contribuendo a creare quello stile unico e inimitabile, farcito di beat, punk, garage revival e british blues.
Il suono scarno ma elegante, lo strumming nervoso, il cantato diretto come il rutto che te ne fuoriesce dopo che ti sei scolato una pinta di birra tutta d’un fiato o sbiascicato come dopo essertene bevute otto, formazione essenziale composta da chitarra, basso e batteria, la capacità di articolare i cori che si eleva ad arrangiamento e unica nota di colore, insieme ad una tastiera vintage che di tanto in tanto fa la sua comparsa, sono questi gli elementi che contraddistinguono il loro sound. Quest’album pubblicato alla fine dell’anno appena trascorso, e che ironicamente si intitola "Gnuggets", è uscito in doppio vinile e doppio CD, raccoglie 34 brani recuperati dalle varie edizioni in 7 pollici comprese tra il 1994 e il 2006, molte delle quali introvabili. Un titolo per completisti ma anche per chi volendo conoscere questa band si ritrova un’antologia piuttosto esauriente.

Federico Porta

Plum Duff
Rudolph's Ruin
I'm Rowed Out
Parchman Farm
Just Like Me

6 commenti:

aldo ha detto...

Mmmmh...non sono cosí sicuro che the UILDEBISTS (per scriverlo in italiano)siano cosí contenti che se li metta dentro del Medway-beat...
Nel caso di Russ i legami sono molto stretti, essendo di quelle parti ed essere stato con Billy Childish fin da ragazzino. Senza dubbio influenze che sin son fatte presenti fin dagli albori dei Wildebeests.
Peró nel caso dei due scozzesi John e Lenny é un'altra storia. John sempre un fan delle varie creazioni di Childish & co é poi finito a Londra dove ha collaborato con alcuni dei gruppi nominati.
Infatti quello che si scrive é giusto peró se ci sono due gruppi che non hanno mai gravitato nell'orbita di B Childish, sono i Green Telescope e i Thanes di Lenny Helsing, sempre piuttosto lontano sia geograficamente che musicalmente.
Gnuggets, piú che per completisti é probabilmente il miglior modo di conoscere il gruppo!
non si tratta di una raccolta di scarti o singoli minori...tutto il contrario, durante i primi anni erano ben prolifici e prima ancora di avere un LP pubblicato (POI in CD)uscirono vari singoli ed EPs ora comodamente riuniti qui.
HAPPY GNU EAR!

aldo ha detto...

Una domanda, piuttosto che un commento da pubblicare: sembrerebbe che il mio commento di ieri non sia arrivato, o sí?

aldo ha detto...

Vabbé, il mio secondo commento non era necessario, peró sí questo dato che rileggendo meglio vedo che lo stesso Federico considera Gnuggets "un’antologia piuttosto esauriente".

Freddi ha detto...

Ciao Aldo,
non mi sono dilungato sull'intreccio genealogico del gruppo in quanto piuttosto articolato e fuorviante per chi lo conoscesse poco o affatto. Mi son limitato a fare un elenco delle band più significative di cui hanno fatto parte i tre per collocarli stilisticamente. Idem per l'inclusione nella scena Medway-beat dove (impressione mia personale) se non geograficamente, di stile ci stanno tutti. E' evidente che tu la band la conosca bene, e ti ringrazio per aver aggiunto informazioni più dettagliate. Sull'ultimo punto mi sembra che diciamo la stessa cosa o forse ho capito male io. Ma non ho parlato di scarti o pezzi minori, affatto. Se mai introvabili e quindi per completisti.

Freddi ha detto...

Ciao Aldo,
non mi sono dilungato sull'intreccio genealogico del gruppo in quanto piuttosto articolato e fuorviante per chi lo conoscesse poco o affatto. Mi son limitato a fare un elenco delle band più significative di cui hanno fatto parte i tre per collocarli stilisticamente. Idem per l'inclusione nella scena Medway-beat dove (impressione mia personale) se non geograficamente, di stile ci stanno tutti. E' evidente che tu la band la conosca bene, e ti ringrazio per aver aggiunto informazioni più dettagliate. Sull'ultimo punto mi sembra che diciamo la stessa cosa o forse ho capito male io. Ma non ho parlato di scarti o pezzi minori, affatto. Se mai introvabili e quindi per completisti.

aldo ha detto...

Ciao Freddi,

ero io che magari avevo letto troppo in fretta, per quello ho scritto poi che siamo d'accordo sui meriti di Gnuggets.
Credo di aver capito fin dall'inizio cosa intendessi ed io non sono certo un esperto su Billy Childish e il Medway Beat, peró l'elemento geografico non é secondario...il gruppo olandese the Waistcoats é possibilmente piú influenzato dal Medway Beat che the 'Beests,che chissá non si fanno grandi problemi se li mettono nella stessa cesta.
Peró sí, i Thanes etc sono un caso a parte.
Io ho avuto la fortuna di vedere quasi tutti i concerti dei Wildebeests durante i primi 2-3 anni, vivendo a Edimburgo,infatti sono molto amico soprattutto di Lenny e penso di esprimere un pó la sua opinione.
La cosa piú importante é che questi Gnu rappresentano lo spirito vero del rock'n roll, fatto anche di molta ironia e senz'altro una vera passione per la musica in generale e meritano essere visti dal vivo, il loro ambiente naturale!

Si è verificato un errore nel gadget