venerdì 23 settembre 2011

MOSTRE: "Max Gasparini" (fino al 25 settembre 2011, Palazzo Oddo - Albenga, Galleria D'Arte e Kaos - Alassio, Liguria)

Max Gasparini è un artista quarantenne di Bergamo che ci sembra il più valido, forse insieme a Sabatino Cersosimo ed Akira Zakamoto (Luca Motolese) tra quelli che abbiamo visto esposti negli ultimi tempi. In questo periodo e per la precisione fino al 25 settembre, espone in Liguria ben due mostre, “Al nero” e “Before black”,

due parti di uno stesso progetto, visitabili presso Palazzo Oddo ad Albenga e la Galleria Arte e Kaos ad Alassio. Sue opere sono anche esposte in collettive in Germania e Olanda.

Knoxville Girls: 5 28

Gasparini ha impresso una grossa svolta rispetto alle prime opere da noi ammirate, dove ritraeva grandi figure in colori pastello su fondo bianco. Adesso tonalità nere e grigie dominano i suoi quadri, dipinti a spatola con stucco e pigmenti su lamiera, cartone o vecchie lenzuola. Il soggetto preferito è sempre il volto umano, ma non mancano alcuni corpi nudi e un misterioso cavallo. I volti ritratti sono soavi, perfetti, in contrasto con le tonalità fumose e industriali dei colori usati. Non sono mai inquietanti, sebbene sia chiara l'inquietudine che muove l'ispirazione.

Knoxville Girls: Neath A Cold Gray Tom

Dicono di lui:
“Dei ed eroi, figure segrete e ipogee” li definisce sul catalogo Silvia Petronici, mentre Francesca Bogliolo parla di Max Gasparini come di un "Icaro che non si brucia le ali".
Ci dice di lui il collezionista Augusto Andreini:
“la tensione di Gasparini verso la materia non è solo estetica. È uno scavo negli abissi del sé che si compie nell'armonia del gesto”.

Max Gasparini non esclude un ritorno al colore, ma è un percorso lungo, che scopriremo più avanti nel tempo.
Alfredo Sgarlato



Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget