mercoledì 21 settembre 2011

AAVV: “Santo Niente - Generazioni - Il Tributo” (release date: 23 maggio 2011, Mag Music & Disco Dada Records)

Rispecchia molto bene gli intenti del Consorzio Produttori Indipendenti e del governo apartheid degli istitutori: Giovanni Lindo Ferretti e Gianni Maroccolo, che lo hanno lanciato, il percorso artistico di Umberto Palazzo e della sua band de Il Santo Niente. Fuori dalle righe e ostinatamente ai margini dai riflettori. Decisamente alternativa e ostile ai percorsi incanalati, questa band storica che nasce nel 1993 a Bologna, ha pochi album al suo attivo.
Dopo svariate metamorfosi e progetti paralleli -incluso un disco solista di Umberto Palazzo, registrato nel 2009 con titolo “Canzoni della notte e della controra” che a tutt’oggi non è stato editato- questo gruppo è senza ombra di dubbio riuscito ad incidere molto in ambito underground, e ad influenzare molti artisti emergenti del post rock italiano ed europeo. La formazione attuale é composta da: Federico Sergente, Lorenzo Conti e Tonino Bosco che affiancano il leader storico.In questo “Generazioni”, un omaggio al Santo Niente (Mag- Music e Disco Dada Records 2011), si rende merito all’intrinseca lezione di sostanza artistica che ha rappresentato Umberto Palazzo e C. Una sana ed originale miscela di punk, indie rock e noise che è emersa dal sottosuolo per lasciare un'impronta significativa, una specie di molotov lanciata contro il sontuoso portone d'ingresso del mainstream che mancherà il bersaglio, ma lascerà un feedback che, a guardarlo a ritroso, sembra l'eco delle voci sussurrate agli orecchi di una catena umana fatta dei pochi eletti che presero parte a quei loro concerti senza fine, trascinati fino al 1999.

Entrano in scena per questo tributo artisti del calibro di Simona Gretchen, Lilies on Mars, Giorgio Canali e i suoi Rossofuoco, Zippo, CFF e il Nomade Venerabile, oltre a tanti altri, per re-interpretare in chiave libera ma fortemente ispirata, sedici dei pezzi storici più rappresentativi di una carriera musicale folgorante. Inni generazionali che non sono invecchiati e che sanno di autentica e sana presa di coscienza e rivolta, rivolta contro i target e le catalogazioni. Anche se questa rivolta a volte è solo apatia, senso di vuoto, smarrimento, alienazione. C’è la potenza incontenibile di un pensiero che lacera l’indifferenza generale in questi inni sghembi e ruvidi che vogliono uccidere il silenzio. L’apparire di una Luna viola: sublime incendio nei giorni gelidi. E’ Aria nell’interpretazione esplosiva di Tying Tiffany si riveste di nuova energia. Elettricità, Cuore di puttana, Divora: pezzi che avevano già lasciato solchi profondi in chi li conosceva e che tornano a colpire anche in queste rivisitazioni a volte pregevoli altre un pò troppo autocompiaciute. Certo al di là di tutto non può negarsi a questo lavoro il merito di tessere un elogio sentito, portare alla ribalta versioni fresche e d'impatto, proponibili anche a chi non conosce le gesta del Santo Niente. La cosa che mi pare più apprezzabile è che comunque si sia deciso di rendere giustizia ad una band coraggiosa e veramente innovativa, rimasta troppo ingiustamente ignorata ed elusa.
Romina Baldoni

Mag Music
Disco Dada Records





Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget