venerdì 8 ottobre 2010

THE MUFFS: "Blonder And Blonder" (1995, Reprise), by Wally Boff

Kim Shattuck non è in giro da poco: insieme a Melanie Vammen nei tardi anni ’80 militò nella band garage losangelina delle Pandoras, guidata dalla talentuosa Paula Pierce, prima di formare con la stessa Melanie The Muffs nel 1991; quindi di esperienza sui palchi rock di locali e localacci americani la terribile ‘riot girl’ (ma quanti anni avrà?) ne avrà accumulata parecchia.
Lo si capisce subito anche solo vedendo i video girati durante i suoi concerti italiani d’inizio ottobre 2010, che Music Box vi ha regalato in calce al live-report di Marco Colasanti: strapazza la chitarra con quel minimo di tecnica che la vecchia ‘cara’ ottica punk richiede, canta con voce roca ed insolente da ‘monella’ ormai trentenne, ‘guastando’ le sue performances vocali con frequentissime urla strozzate!
Quindi The Muffs suonano punk rock direte voi ! Beh sì, ma non proprio e non solo: se ascoltate uno qualsiasi dei loro sei albums pubblicati tra il 1993 ed il 2004 ("Really Really Happy" è l’ultimo ma pare che ne stiano ultimando uno nuovo in studio) dovreste accorgervi che in realtà il loro rock ed i loro brani, tutti firmati dalla Shattuck, sono il risultato di una sapiente ricetta tutta americana e non certo nuova:
si ascolti l’album "Blonder And Blonder" di ben quindici anni fa (1995-Reprise), probabilmente il più riuscito, e scoprirete (se avete buone orecchie) come è abile Kim, coadiuvata da due ottimi e spericolati strumentisti quali Ronnie Barnett al basso e Roy McDonald (ex Red Kross) alla batteria, ad incrociare interpretazioni tirate allo spasimo pepate dai suoi immancabili ‘histeric shouts’ a tirate melodiche contagiose: il power pop nettissimo di brani come Sad Tomorrow (very radio friendly, la mia preferita!), Won’t Come Out To Play, I’m Confused, End It All , Laying On A Bed Of Roses, temperano gli eccessi punk di Oh Nina, Red Eyed Troll (song ultra-arrogante), Funny Face, Ethyl My Love.
Punk più melodia, insomma come il punk-pop dei Green Day et similia direte voi: no, non ci siamo; le ascendenze melodiche power-pop di bands gloriose e seminali come Beat, Pop, al femminile come Runaways, si sentono tutte nel rock di Muffs, e che abbiano inciso ed in repertorio brani come Rock’n’Roll Girl dei Beat di Paul Collins la dice lunga sulle loro preferenze artistiche.
The Muffs sono riusciti a rivestire lo scheletro ed il tiro di un punk tipicamente californiano (Avengers, Nuns) con la polpa pop-melodica delle bands suddette: e Kim Shattuck non sarà la terribile Wendy O. Williams dei Plasmatics ma le sue songs insolenti e le sue interpretazioni angry sono davvero un bel sentire!
Wally Boff

Video/brani
Sad Tomorrow Oh Nina
Rock'n'Roll Girl
MuffsBlogspot
MuffsMyspace

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget