lunedì 4 ottobre 2010

DISCHI STORICI (3) by Gianluca Merlin and Wally Boff

JOHN MAYALL: "Bluesbreakers with Eric Clapton" (1966/Deram)

Definito anche The Beano Album perchè Eric Clapton legge l'omonimo comic a fumetti in copertina.
John Mayall, il grande leone del blues di Manchester ha nella band Hughie Flint (futuro Blues Band) John McVie (futuro Fleetwood Mac) e ovviamente Eric Clapton appena uscito dagli Yardbirds. Si tratta di uno dei dischi più amati e noti di John Mayall, uscito in 2 edizioni, la prima in mono nel 1966 e la seconda in stereo nel 1969. La rivoluzione che porta qui John è la esplosiva chitarra di Clapton che imbraccia una Gibson Les Paul attaccata ad un ampli Marshall . L'effetto su covers blues e pezzi originali è dirompente, con conseguente scalo delle classifiche. Clapton é protagonista di alcuni brani strumentali quali la rocciosa Steppin' Out e la cangiante Hideaway; voce nel traditional blues Ramblin' on my mind di Robert Johnson. I suoi soli creativi ed affilati in brani come Little Girl ed Have You Heard hanno fatto scuola. La mia preferita (Gianluca) è Key to love, dove un riff killer, una sezione fiati e una batteria treno ti porta al massimo.
'...Clapton is God': questa scritta apparve sui muri di Londra.
Notevoli anche il blues lento Have You Heard con una magistrale interpretazione vocale di Mayall, la sua eclettica performance all'harmonica in Parchman Farm e la sentita rivisitazione di All Your Love (Willie Dixon/Otis Rush). Un classico epocale del British Blues!

3 video/brani: All Your Love Hideaway Parchman Farm


COLOSSEUM: "Valentyne Suite" (1969/Fontana-Essential Records)

Un capolavoro e il primo numero dell'etichetta Vertigo.
Basterebbero The Kettle o Elegy per far capire che questi musicisti hanno creatività ed incisività strumentale enormi.
Avevano tutti nel loro background musicale jazz e blues e poi una grande voglia di sperimentare: con questi presupposti prima o poi qualcosa di pazzesco l'avrebbero tirato fuori. Ed é successo puntualmente nel 1969 con "Valentyne Suite": stesso titolo della seconda facciata, divisa in tre movimenti, una vera opera d'arte rock-jazz con squisiti riferimenti classicheggianti, contraddistinta da potenti riffs strumentali, moods sempre cangianti di grande atmosfera e soli strepitosi di tutti i strumentisti.
Aggiungiamoci le liriche di Pete Brown (già paroliere dei Cream) e una band composta da John "doppia grancassa" Hiseman, Dick Heckstall "doppio Sassofono" Smith, Tony Reeves al basso, James Litherland alla voce e chitarra superelettrica e Dave Greenslade all'hammond; otteniamo uno dei dischi più atomici e originali del progressive rock, infarcito però di british blues.
Dopo questo disco i Colosseum cambieranno line up e continueranno con buoni risultati, ma senza eguagliare questo mostruoso disco.

3 video/brani: Elegy The Kettle RARE Colosseum Live 1969 - Valentyne Suite Part-2/2


SANDY DENNY:"The North Star Grassman and the Ravens" (1971/Hannibal)

La leggendaria voce dei primi Strabws, dei Fairport Convention e dei Fotheringay ha pubblicato solo 4 dischi da solista, spesso trascurati dal pubblico o marginalmente ascoltati.
Altresì difficile stabilire quale sia il migliore.
Questo è il primo, realizzato nel 1971 col contributo di membri dei Fairport Convention ed incentrato molto sulla cantante. Infatti quasi tutte le canzoni tranne una hanno il tipico incedere delle murder ballads tradizionali rilette in chiave folk rock, repertorio in cui Sandy Denny ha la totale padronanza.
Tra queste John The Gun, che poi riprenderà con i Fairport Convention anche live, e poi The Sea Captain, Late November, Next Time Around, The Optimist, The North Star Grassman and the Ravens sino ad una cover di Bob Dylan, Down in the Flood . Sicuramente un disco dalle emozioni intense (affiorano anche qua e là dei tappeti di archi molto belli), molto difficile x chi ascolta rock tradizionale ma una occasione per andare alle radici della musica inglese.
Copertina stile Good Old England, che suscita sempre forti emozioni e che all'epoca in quasi tutti i dischi di questo genere era d'obbligo.

3 video/brani: The North Star Grassman and the Ravens (Vinyl 1971) The Sea Captain (Vinyl 1971) John The Gun

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget