domenica 10 ottobre 2010

WINO: "Adrift" (Exile On Mainstream/Goodfellas, 2010)

Wino in realtà è Robert Scott Weinrich, ed ha le spalle un passato davvero stupefacente; cantante e chitarrista abile ed incendiario ha militato in bands statunitensi ben note a chi ha seguito il rock a stelle e strisce più estremo degli ultimi trent’anni: Obsessed, Saint Vitus, Spirit Caravan, The Hidden Hand, Shrinebuilder (membri di Neurosis, Om e Melvins).
Ma in questo splendido "Adrift", suo terzo album solista, dopo a "A Bottle Ff Pills With Bullet Chaser" (2008) e "Punctuated Equilibrium" (2009) di stoner o doom rock non v’è traccia nelle forme consuete: Wino si presenta ‘nudo e crudo’, in compagnia solo della sua voce fiera e barricadera e della sua ‘crepitante’ chitarra acustica servendoci dodici songs di un’intensità davvero esaltante: se fossi costretto ad affibbiare a tutti i costi ad Adrift un’etichetta parlerei di ‘heavy folk’, termine certamente inedito ed inusuale.
La potenza comunicativa di brani come Adrift, I Don’t Care, Old And Alone riesce a sommuovere quel qualcosa ‘dentro’ ognuno di noi assopito e rassegnato, e dà la forza di riprendere a lottare!
In DBear, Whatever, Hold On Love, Mala Suerte rabbia e disperazione si mescolano, nelle interpretazioni vocali spiritate di Wino, con toni di indomito spirito ribelle sino alla cover acustica straordinaria e toccante di un classico dei Motorhead, Iron Horse/Born to Loose.
Non si pensi assolutamente quindi ad un album folk tout-court, ma ad una sorta di sua sublimazione acustico-elettrica: i soli vibranti e saturi (fulminanti è il termine più consono) sovraincisi in I Don’t Care, Mala Suerte la dicono lunga sulla non ortodossia della visione artistica di Wino.
A splendida conferma i feedback elettrici dello strumentale O.B.E., una fragrante alba psichedelica, i delicati fraseggi acustici della tenera Suzane’s Song (l’altro brano strumentale del’album) sino all’orgia elettrica della finale Green Speed, con i soli di Wino che saettano strisciando e strofinandosi come serpi velenose.
Grandissima ispirazione, esemplare potenza interpretativa: se mi piacesse (o dovessi) usare le stelline come valutazione assegnerei ad "Adrift" il massimo.
Wally Boffoli
Video/Brani
Adrift
Iron Horse/Born To Loose
I Don't Care
Southern Lord

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget