sabato 16 ottobre 2010

DISCHI STORICI (4): THE GODS, Genesis (1968)

Se ci sentite i polidromi degli Uriah Heep non sbagliate: nei Gods c'è parte della storica formazione, ovvero Lee Kerslake e soprattutto Ken Hensley, che qui veste il ruolo di seconda chitarra e soprattutto di tastierista. Gli altri membri sono John Glascock al basso e ai cori e Joe Konas all'altra chitarra. Debut album per questa formazione, ed è davvero impressionante: cori celestiali si mescolano a sonorità melodiche e potenti con ancora molto freakbeat che andava forte anche se i richiami al rock duro cominciavano a farsi sentire. Il tutto unito da alcuni bizzarri dialoghi registrati a velocità doppia in modo da creare una atmosfera spaziale oppure per simulare i 'Gods' dell'olimpo che stavano confabulando tra di loro nel bel mezzo delle songs; e da Towards the skies fino a Candles getting shorter e Looking glass la band sfodera tutto il suo gusto per la melodia in cui l'hammond di Hensley crea questo senso di profondità che hanno le canzoni, quasi fossero state registrate sul monte Olimpo.
In Misleading Colours la band omaggia Jimi Hendrix, all'epoca massima influenza per tutte le freakbeat band inglesi; il riff iniziale è praticamente Purple Haze, e nello stesso periodo i Deep Purple riprenderanno il riff per Mandrake Root, mentre gli Small Faces lo faranno per Rollin' Over.
La solennità hammondistica di Plastic Horizon fa poi spazio a brani più duri, mentre il finale vede, nell'edizione cd , aggiunte di bonus tracks che vedono un grosso omaggio ai Beatles di The White Album e Yellow Submarine: è presente infatti una pregevole versione di Hey Bulldog praticamente simile a quella dei 4 di Liverpool, arrangiata quasi fosse stata fatta apposta per loro.
Davvero peccato che una band così non sia decollata, ma evidentemente a Hensley e Kerslake mancavano alcuni musicisti importanti: David Byron, Mick Box e Gary Thain, il resto degli Uriah Heep appunto....
Gianluca Merlin


Video/brani
The Gods (Uriah Heep) - Plastic Horizon (Genesis 1968)
The Gods (Uriah Heep) - Looking Glass (Genesis 1968)
I Never Know
You're My Life

ProgArchives

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget