giovedì 21 aprile 2011

JOAN AS POLICE WOMAN: "The Deep Field" (2011, Pias)

La recente evoluzione delle musica indie sta alzando l’asticella del livello del rock contemporaneo, se è vero che la maturità raggiunta che permette a gruppi come Arcade Fire di realizzare dischi più mainstream senza cadute di stile sta contagiando progressivamente anche altri artisti del genere con risultati interessanti. E questo primo semestre dell’anno sembra avere una certa “impronta” femminile in tal senso, viste le convincenti uscite di Anna Calvi e soprattutto PJ Harvey. Ecco quindi anche il terzo lavoro, uscito a Gennaio, per Joan Wasser, meglio conosciuta come Joan As Police Woman, appena passata da noi per alcune date di presentazione del disco. Un disco in cui la Wasser si cimenta nell’esplorazione di nuove soluzioni e di nuove forme musicali a cui ispirarsi, per arricchire il proprio repertorio senza perdere la propria identità. “The Deep Field” si presenta sin da subito dall’apertura di Nervous e The magic molto più ricco e variegato con variazioni soul, funk, folk che si integrano tra loro con classe. Anche il successivo gruppo di canzoni è eloquente in tal senso, con song quali The action man e Flash , decisamente più introspettive e di grande bellezza con un’intensità che cala gradualmente fino alla distensiva Human Condition, che vede la partecipazione di Joseph Arthur a colorare di erotismo le note flessuose di un brano a forti tinte bowiane.
Il lavoro è caratterizzato da una profonda vena soul: “The Deep Field” presenta molte novità rispetto ai precedenti. Innanzi tutto, il suono risulta decisamente più pieno, con le chitarre, i synth che da un lato occupano molto più spazio e dall’altro interagiscono tra loro in modo più armonico rispetto al passato. Non c’è mai un momento in cui la parte strumentale svolga la semplice funzione di sostegno alla voce: ha sempre una propria autonomia nel supportare e variegare il background della vocalità di Joan che, dal canto suo, apporta molte più variazioni di tonalità e timbro rispetto alle esperienze precedenti, con un rinnovato spirito più vicino a Marvin Gaye o Al Green piuttosto che Adele o Cat Power. Joan propone accanto al suo classico cantato morbido e suadente anche diversi momenti in cui la voce diventa più incisiva e dura. L'artista vira così in territori soul, sia come stile melodico, che come impostazione degli arrangiamenti, con piccole gemme quali Kiss the specifics e Chemmie.
Si conclude con l’intimismo di Forever And A Year e I was everyone, anche qui in modo fluido e senza intaccare l’organicità complessiva, ma facendo sì che lo sviluppo dell’opera non risulti banale.
Ascoltandolo tutto d’un fiato l’andamento del disco sembra perfettamente studiato dal punto di vista sia stilistico che emozionale, facendoci percorrere un vero e proprio sentiero in cui forma ed emozione sono due parti inscindibili dello stesso insieme: un pò quello che contraddistingueva i lavori del suo ex-compagno Jeff Buckley. Il consiglio è quello di lasciarsi conquistare da un’artista che sa abbinare perfettamente alla sofisticatezza e modernità delle proprie soluzioni una spontaneità ed una genuinità emotiva fuori dal comune perché “The deep field” non è solo un bel disco, è fondamentale.
Ubaldo Tarantino

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget