martedì 30 agosto 2011

BASSA FEDELTA' - CHEATER SLICKS: “Our food is chaos” LP + 7” (2011, Almost Ready)

# Consigliatissimo da DISTORSIONI

In breve potremmo così presentare questi tre disadattati provenienti dall’Ohio: Dana Hatch, che con il suo drumming scandisce il tempo in modo stanco e pesante, e se i brani più lenti sembrano trascinarsi, quando si fanno più veloci sono sempre sul punto di inciampare. I fratelli Tom e Dave Shannon che utilizzano le loro chitarre come fossero motoseghe nel contesto di un “Texas
Chainsaw Massacre”, mentre alla voce si alternano Dana e Tom che tra furia e disperazione non si fanno troppi problemi di intonazione nel raccontarci di una realtà allucinata, e aneddotica non sense.
 Ma la loro non è un’ esternazione gratuita, provocatoriamente fine a se stessa, quanto più uno sfogo dell’anima che si traduce in un suono feroce e dilaniato, espressione di una poesia delirante da emarginati borderline. In questi tre losers sembrano convivere il genio di Antonio Ligabue, l’ispirazione di Bukowski e il talento degli Husker Du. Con questi presupposti hanno riservato il loro trattamento di “pattumierizzazione” ad ogni sorta di tradizione musicale che come un’olio esausto si riversa invischiando tutto ciò che incontra.
Uno tra i titoli della loro discografia che meglio li rappresenta in ciò è sicuramente il loro doppio CD “Forgive Thee” del 1998 per la In The Red. Nella loro più che ventennale attività non hanno mai ceduto, nemmeno di poco, al compromesso o alla tentazione di farsi piacere, il loro spirito di sacrificio li ha portati, sicuramente ad esplorare vari territori musicali, ma la visione e le intenzioni sono rimaste quelle di sempre. La dimostrazione è in questo “lost album” di registrazioni risalenti al 1989, quando tutto questo stava solo iniziando, e nella formazione militava ancora Allen Paulino ex bassista dei Real Kids (altre registrazioni dalle stesse sessions vennero già pubblicate nell’album “Skidmarks”). “Our food is chaos” che già dal titolo non tradisce la natura dei loro appetiti, esce in formato ep con sette canzoni ed è accompagnato da un singolo in 7 pollici che contiene i rifacimenti di manifesti sixties come Night of the Sadist e We all love peanut butter, così come per Born Loser sull’ep. Sì, d’accordo, si tratta di classici ultra-rifatti da tutti, ma va considerato che all’epoca la serie di compilations "Back from the Grave" molti si sognavano ancora cosa fosse: in quanto precursori il nome dei Cheater Slicks può tranquillamente figurare al fianco di Oblivians, Gories, Blues Explosion.
Tra gli altri remakes illustri spiccano Rollercoaster dei 13th Floor Elevators che qui trasforma la leggenda del caro ottovolante in una tragedia da deragliamento, la Please give me something di Bill Allen minacciosa come la resurrezione di Lux Interior. Negli oltre 8 minuti di divagazione della loro Flashbacks lasciavano già intendere come alla band stesse stretta qualsiasi forma di convenzione e di come avessero già chiaramente prefigurato il risultato. Un bel disco ed ennesima conferma, immancabile per chi conosce e ama questa intramontabile leggenda underground, ma da considerarsi più per completisti; a chi non conosce, ma è interessato alla band, consiglio un album più “ufficiale”.
Federico Porta

Almost Ready Records

Please give me something
Rollercoaster

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget