venerdì 15 luglio 2011

REZA: “Moonless” (2011, Dust on the tracks)

Poco si sa di questo Reza Hatimi, cantautore franco-iraniano, nato a Teheran, trasferitosi in un primo momento oltreoceano a New York dove ha vissuto vari anni, perfezionando tre le altre cose il suo inglese per poi raggiungere Parigi e la Francia, scelta come patria d’adozione. Con questo “Moonless” arriva al sospirato disco d'esordio, dopo qualche singolo ed e. p. usciti nell’indifferenza totale: qui il Reza è supportato da validi strumentisti quali Pierre-Hean Grappin alla batteria, Gonzague Octaville al basso, il chitarrista Boris Kohlmayer e da Stephane Garry alle tastiere.
Ci troviamo di fronte ad un disco molto ben confezionato, a cominciare dalla splendida copertina retrò, con un suono pulito, linee melodiche perfettamente prodotte e la bella voce del solista che domina l'intero lavoro.
Tutto il disco è molto rilassato e tranquillo, dall'apertura della bella Why e dalla seguente Child, entrambe vocalmente debitrici dello Steve Kilbey dei Church australiani, oltre che dei vari eroi lo-fi che popolano l'attuale sottobosco indie-folk. Rain a ruota è un altra ballad molto triste e malinconica, splendida è pure la seguente Desert Land con un bel refrain e con un sound di violino e slide molto country oriented; The Letter (non quella di Alex Chilton), è una song che rimane facilmente in testa, uno dei vertici di Moonless.
Il resto dell'album scivola via piacevolmente senza particolari cadute di tono, in un clima disteso e sognante, forse una certa uniformità delle songs può rendere l'intero lavoro un pò ripetitivo, ma la bella voce di Reza rende le canzoni tutto sommato gradevoli. Da citare ancora Boozer's Talk e Waiting, splendide entrambe e molto ispirate: qui l’accostamento con Leonard Cohen non appare esagerato, con le dovute proporzioni sia chiaro. Da segnalare che nella prima edizione del disco, che tra l'altro dura appena 35 minuti, figuravano 2 bonus di cui la prima, Gone for good, è sulle tracce del migliore Neil Young acustico. Sarebbe un vero peccato far finire questo “Moonless” nell’oblio in cui vengono spesso confinate opere simili, per poi magari andare a ripescarlo fra qualche anno tra le perle dimenticate; questo iraniano ha talento, una bella e soffice voce, insomma il giusto accompagnamento per certe fredde serate invernali. Reza non sarà il nuovo messia ma teniamoceli stretti personaggi così.

Ricardo Martillos

Desert Land

Reza on myspace

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget