domenica 10 luglio 2011

NAT BALDWIN: “People Changes” (2011, Western Vinyl)

Nat Baldwin si definisce minimalista sperimentale nel suo profilo myspace: in effetti l'ascolto di questo "People Changes", non proprio facilissimo, conferma l'arcano; i precedenti lavori del contrabbassista cantante di Portsmouth infatti, fin dagli esordi sulle orme del grande maestro free jazz Anthony Braxton, sia in solitario che con il gruppo Dirty Projectors presentano tessiture musicali piuttosto ardite e disarticolate.

Questo quarto lavoro a suo nome registrato un anno fa a New York si apre con A little lost, cover di un brano di Arthur Russell, con un violoncello disturbante interrotto dalla particolarissima voce di Nat, che alle mie orecchie di nostalgico sixties ha ricordato qualcosa del primo Roy Harper (sono semplici sensazioni), mentre sulla stessa splendida falsariga é la seguente Weights, voce debitrice in questo caso di Tim Buckley, quello del periodo allucinato di "Lorca" e "Starsailor". Tutto cambia nella terza canzone - si fa per dire - la lunga Real fakes che presenta un finale in puro stile free jazz. Gli ultimi 3 brani, la bizzarra e sperimentale Lifted, la strumentale (decisamente free) What is there e Let my spirit rise, struggente cover di Kurt Weisman, chiudono un disco dominato dal contrabbasso di Nat e dalla sua voce in falsetto: forse l'abbinamento non incontrerà i gusti di tutti ma con un pò di pazienza e più di un ascolto, può rivelarsi una sorpresa.
Ricardo Martillos

Lifted

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget