mercoledì 17 agosto 2011

PUNK - THE RUTS: “The Crack” (1979, Virgin)

La bufera punk anglosassone della seconda metà anni ’70 fu marchiata a fuoco prima di tutto dall’uscita di alcuni dischi assurti giustamente a statura ‘iconica’ come gli album di debutto dei Clash, dei Sex Pistols e dei Damned, caratterizzati soprattutto da un’ anfetaminica carica di rabbia nichilista: nessuno quindi si offenderà se scriviamo che le bands citate davano pochissima importanza al lato tecnico delle loro esecuzioni dal vivo ed incisioni, era la norma tra il ’76 ed il ’79, il 'politically correct'!
Questa lacuna fu in alcuni casi colmata da incisioni realizzate a ridosso di qualche anno: è il caso di The Ruts che con “The Crack”, album di debutto inciso nel 1979 su Virgin Records, mettevano - paradossalmente per l’atmosfera di quegli anni – in bella mostra le loro notevoli capacità di musicisti. La band era formata da Malcom Owens voce solista, Paul Fox lead guitar, Segs basso e Dave Ruffy batteria e percussioni: gli ultimi due formavano una sezione ritmica affiatata a tal punto da permettere a Fox di spadroneggiare con la sua solista. Malcom Owens era comunque il vero leader, dotato di una voce molto duttile ed espressiva sia che cantasse punk vero e proprio, sia che si cimentasse nel rock e nel reggae, genere prediletto dai Ruts. “The Crack” spazia in tutti questi generi: si apre con una coppia di tracks reggate, la fulminea, energetica Babylon’s Burning e Dope for Guns, seguiti a ruota da tre episodi carichi di genuina passione rock, S.V.S, Something that i said, You’re just a, con la band che esplode letteralmente in un’orgia di rock-punk tiratissimo, caratterizzato dai soli potenti di Paul Fox (altra cosa insolita per il punk, che aveva da subiti bandito i soli chitarristici!). Malcom Owens, pur essendo in possesso di uno vocalismo molto personale a tratti poteva ricordare le incursioni rabbiose di Joe Strummer. La Side A su vinile di The Crack era chiusa da un lungo brano di sei minuti e mezzo,
It Was Cold, chiaroscurale, giocato interamente sull’interazione tra Owens e la chitarra di Fox, che si rincorrono su un tappeto ritmico sempre più ossessivo.
La seconda facciata di questo potentissimo punk album si apriva su Savage Circle seguito da un aperto tributo della band al dio giamaicano: Jah War è capace di far saltare l’ascoltatore per più di sei minuti, con il basso di Segs che pompa e la batteria impegnata nelle tipiche scansioni ritmiche reggae; Malcom Owens sembra non aver cantato altro in tutta la sua vita. Magistrale! Ma le sorprese non finiscono perché subito dopo i Ruts ci violentano con il punk stringatissimo di Criminal Mind, che fa saltare le cervella, Back Biter e Out of Order, che non sono da meno; per il gran finale ancora punk, questa volta registrato dal vivo al Marquee nel luglio 1979: Human Punk, oltre che essere titolo sintomatico di tutta la prima ondata punk inglese, è la degna fine di “The Crack”, mostrando inequivocabilmente l’eccezionale statura live dei Ruts. In sintesi, rabbia genuina e tecnica non indifferente.
Un disco che troppo spesso viene dimenticato ed omesso nelle cronache punk, testimonianza vibrante di quanto i ribelli e le bands punk inglesi della prima ora flirtassero e si meticciassero musicalmente e nei contenuti (sotto)culturali antagonisti con la cultura ‘nera’ giamaicana. Indispensabile!
Pasquale ‘Wally’ e Ciro Boffoli


Discography (# Consigliato da DISTORSIONI)


Ruts
# * 1979 - The Crack (Virgin Records)
# * 1980 - Grin & Bear It (Virgin Records)
* 1986 - The Peel Sessions (registrato nel 1979, Strange Fruit)
* Peel Sessions – Complete Sessions 1979-1981 (May 1990: Strange Fruit)
* Demolition Dancing (1994: Receiver) - mostly live material, and including two tracks with The Damned: "Shakin' All Over" and "In a Rut"
* Something That I Said: The Best of the Ruts (March 1995: Virgin)
* Bustin’ Out: The Essential Ruts Collection (June 2001: EMI)

Ruts D.C.
# * 1981 - Animal Now (Virgin Records)
* 1982 - Rhythm Collision (Bohemian)
* BBC Radio 1 Live In Concert (Windsong International), split with Penetration





Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget