martedì 30 ottobre 2007

Recensioni / Italiani / Il blues di LUIGI TEMPERA : 'Walking with my devils' (Crotalo ed.) by Bob Cillo

Nuova recensione di Bob Cillo per MusicBox....l'argomento? Elementare Watson....il blues !

*********************************************************************************************************************

Questo “Walking With My Devils”, edito dalle Edizioni Musicali Crotalo, è l’esordio discografico da solista dello stimato chitarrista blues torinese Luigi Tempera.
La prima cosa che salta all’occhio curiosando con il jewel box in mano è che la track list riporta esclusivamente composizioni autografe, scelta non comune in ambito blues e percorso sempre arduo e coraggioso rispetto a quello più rassicurante di alternare brani originali con standard e remakes. Tuttavia questa si rivela fin dai primi solchi (come si diceva una volta) una scelta vincente.
L’ouverture Son of a Jam” ci introduce in un suono avvolgente e leggero con un' ampia componente acustica caratterizzata da una sezione ritmica di spazzole e basso acustico e dai delicati colori di armonica di Fabio Bommarito.
Anche quando nel terzo brano “I’m not Sure” fa capolino l’elettrica, i toni rimangono piacevolmente pacati e segnati da sonorità jazzate; qui emerge la voce calda e presente di Tempera che si distingue nel panorama blues nazionale sia per espressività che per pronuncia e dizione impeccabili.
Particolarmente affascinante è la title track che vede la collaborazione di Andrea Scagliarini all’armonica e di Marcella Ghiani ai cori.
Episodi a sé stanti sono i due brani “Jazzy” e “Magda” dove Luigi riporta alla mente il primo Sergio Caputo sperimentando un connubio tra vena cantautorale con liriche in italiano e sonorità jazzy.
A parte questi due episodi isolati i brani composti da Luigi sono blues diretti, sempre freschi, brillanti e godibili, senza elaborazioni contorte o passaggi cervellotici eppure mai scontati e banali: un invidiabile equilibrio, evidente segno di una maturità compositiva raggiunta grazie ad anni di esperienza.
Dal punto di vista chitarristico, Luigi mantiene un approccio con lo strumento da musicista “a tutto tondo” non cedendo mai alla tentazione di ostentare tecnica e virtuosismi fini a sé stessi.
Questo è tanto più da apprezzare se proviene da un musicista che come lui svolge regolarmente attività didattica.
Tutto il lavoro è improntato da arrangiamenti sobri e minimali, scevri da inutili orpelli e valorizzati da una produzione dei suoni equilibrata e pulita.
Dunque “Walking With My Devils” è un lavoro sincero animato da un’autentica vena creativa e caratterizzato da una decisa impronta personale; autenticità e creatività di cui c’è un gran bisogno in un panorama blues tristemente affollato da “tribute bands” senza personalità.
Questo CD testimonia la coerenza di un musicista che ha scelto di vivere proponendo il proprio blues, a dispetto della “puzza sotto il naso” dei musicisti “più colti” e senza cedere ai facili richiami del pop.
Dunque se vi capita di incrociare sulla vostra strada un concerto di Luigi Tempera, non perdetelo e magari portate a casa una copia di questo lavoro, vi farà compagnia quando avrete voglia di ascoltare del blues DOC made in Italy.

http://www.luigitempera.it/ BOB CILLO

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget