mercoledì 20 giugno 2007

Inserzioni : Creative Commons : Appunti sulla gestione on-line dei magazine/blogger by Antonio Petrucci



Ricevo dal solerte e prezioso collaboratore Antonio Petrucci (già gentilissimo nel fornirmi quella declaratoria o disclaimer che dir si voglia che leggete all'inizio di questo magazine subito sotto il sorriso canadese, la barba incolta e la vecchia chitarra della nostra spiritual guide, l'impagabile Neil Young!) e pubblico questa chiarificazione in merito alla controversa materia delle pubblicazioni in Internet, in questo caso dei magazine mascherati da blogger, che come nel nostro caso sono dei veri giornali on-line con approfondimenti a volte notevoli!
Spero queste notizie siano utili e chiarificatrici per molti che operano on-line come me, soprattutto ai magazines amici di www.musicbx.blogspot.com e possano regolamentare con più serenità i nostri rapporti futuri in rete!
.
Una spruzzata rigeneratrice di vecchio Aerosol su una nuova materia?
Spero di sì, confido nella saggezza del buon vecchio Hammill
e c. e della loro 'macchina grigia' (mi é venuta così stà cosa !); che ci assistano e rendano tutti col tempo più informati e comunicativi in materia .
Peace, love and psyche-rock !(P.B.)



Creative Commons (www.creativecommons.it) è un’organizzazione senza fini di lucro che permette di usare licenze precompilate per permettere l’incontro fra il creatore di un’opera online (ad esempio l’autore che pubblica i testi sul suo blog) e chi voglia fare utilizzo di quell’opera. Può accadere che qualcuno voglia utilizzare una tua creazione (un testo pubblicato sul tuo blog) per vari usi: in tal caso, secondo Creative Commons, il fruitore lo deve chiedere a te , proprietario intellettuale della creazione.
Le licenze Creative Commons servono dunque a stabilire in che modo tu, creatore di opere nel tuo blog, desideri che queste vengano utilizzate. Le licenze Creative Commons specificano se e come permetti il riutilizzo del tuo materiale da parte di altri utenti odi aziende.
Le licenze non sono uno strumento di protezione, come qualcuno crede, ma strumenti per facilitare la distribuzione e conoscenza delle tue creazioni.
Sono disponibili sei tipi di licenze Creative Commons diverse, ognuna con varie combinazioni di concessioni per la distribuzione e la riutilizzazione: da quella più restrittiva che vieta espressamente ogni tipo di distribuzione a fini commerciali, a quella più aperta che consente ogni tipo di utilizzo purché la paternità del materiale venga sempre menzionata.
Se sei interessato ad attribuire una licenza Creative Commons al materiale pubblicato sul tuo blog, scegli la licenza più appropriata:
sul sito www.creativecommons.it trovi approfondimenti su questo tema.
Attribuire una licenza Creative Commons al materiale pubblicato sul tuo blog è facile.

ANTONIO PETRUCCI

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget